Una distanza obbligata. I limiti delle relazioni tra Cee e Jugoslavia nell’Europa degli anni Settanta

Titolo Rivista VENTUNESIMO SECOLO
Autori/Curatori Benedetto Zaccaria
Anno di pubblicazione 2016 Fascicolo 2015/37 Lingua Italiano
Numero pagine 25 P. 103-127 Dimensione file 236 KB
DOI 10.3280/XXI2015-037005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit. Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

Anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

During the 1970s, the relationship between the European Economic Community (EEC) and Yugoslavia was characterised by a paradox: the development of bilateral relations did not lead to the progressive integration between the parties, but to Yugoslavia’s definitive separation from the EEC. Drawing on a wide range of Community, French, British, German, Italian and Yugoslav archival sources, this article addresses the political factors which constrained this relationship and obliged the EEC and Yugoslavia to keep a "forced distance".;

Keywords:EEC; Yugoslavia; Mediterranean; Soviet Union; Southern Europe; Non-alignment

Benedetto Zaccaria, Una distanza obbligata. I limiti delle relazioni tra Cee e Jugoslavia nell’Europa degli anni Settanta in "VENTUNESIMO SECOLO" 37/2015, pp 103-127, DOI: 10.3280/XXI2015-037005