La presenza fisica dell’analista

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Adriana Yankelevich
Anno di pubblicazione: 2017 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. 69-79 Dimensione file: 164 KB
DOI: 10.3280/PSI2017-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo descrive alcune conseguenze dell’impatto delle nuove tecnologie sulla soggettività e sulla nozione di realtà. Esso prende in considerazione l’analista come un elemento dell’inquadramento che diventa una presenza importante teorica, clinica e tecnica nel contesto contemporaneo. Dà enfasi alla costruzione della soggettività dalle esperienze corporee e dal primo contatto con un altro essere umano. L’autore postula la necessità di rivalutare il corpo fisico dell’analista come prima presenza di screener in situazioni cliniche di ambiguità. Lo scritto include materiale clinico che illustra queste ipotesi.

  1. Bion W. (1962). Learning from Experience. London: Heinemann (trad. it. Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 1972).
  2. Bleger J. (1967). Simbiosis y ambigüedad. Buenos Aires: Paidos (trad. it. Simbiosi e ambiguità. Roma: Armando, 2010).
  3. Dupetit S. (1983). La addicción y la drogas. Buenos Aires: Salto.
  4. Freud S. (1895). Entwurf einer Psychologie (trad. it. Progetto per una psicologia. In: Opere, vol. 2. Torino: Boringhieri, 1968).
  5. Freud S. (1921). Massenpsychologie und Ich-Analyse (trad. it. Psicologia delle masse e analisi dell’Io. In: Opere, vol. 9. Torino: Boringhieri, 1977).
  6. Klein M., Riviere J. (1945). Fatherless Children. In: Love, Hate and Reparation. London: The Hogarth Presse (trad. it. Il complesso edipico alla luce delle angosce primitive. In: Scritti. Torino: Bollati Boringhieri, 1978).
  7. Klein M. (1946). Envy and gratitude. London: Tavistock Publications (trad. it. Invidia e gratitudine. Firenze: Martinelli, 1969).
  8. Sibilia P. (2005). El hombre postorgánico. Buenos Aires: Fondo de Cultura Económica.
  9. Winnicott D.W. (1958). Primary Emotional Development. In: Through Paediatrics to Psycho-Analysis. London: Tavistock Publications (trad. it. Lo sviluppo emozionale primario. In: Dalla pediatria alla psicoanalisi. Firenze: Martinelli, 1975).
  10. Yankelevich A. (2002). Algunas puntualizaciones sobre el dolor en la metapsicología. La producción escrita en la formación analítica. III Jornadas argentinas de candidatos, pp. 110-116.
  11. Zac J. (1971). Un enfoque metodológico del establecimiento del encuadre. Revista de Psicoanálisis de APA, 29, 2: 593-610.

Adriana Yankelevich, La presenza fisica dell’analista in "PSICOANALISI" 2/2017, pp 69-79, DOI: 10.3280/PSI2017-002007