La famiglia naturale: cosa resta dopo la perdita di un figlio

Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA
Autori/Curatori: Paola Milani
Anno di pubblicazione: 2017 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 91-98 Dimensione file: 77 KB
DOI: 10.3280/MG2017-004010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo esplora brevemente alcune problematiche relative al posto della famiglia d’origine nel processo adottivo. In particolare prende in esame il paradosso secondo cui la famiglia d’origine è la grande assente sulla scena dell’adozione e spesso la grande presente nei pensieri e nei desideri dei figli adottati. Vengono analizzati alcuni aspetti costitutivi di tale paradosso, facendo anche riferimento alle traiettorie biografiche dei bambini separati dalle famiglie di origine, che hanno in seguito sviluppato inediti percorsi resilienti, per portare alcuni elementi di riflessione intorno al dilemma fra taglio o continuità dei rapporti affettivi.

Paola Milani, La famiglia naturale: cosa resta dopo la perdita di un figlio in "MINORIGIUSTIZIA" 4/2017, pp 91-98, DOI: 10.3280/MG2017-004010