Inconscio non rimosso e intersoggettività. Una possibile convergenza tra psicoanalisi e neuroscienze

Titolo Rivista: INTERAZIONI
Autori/Curatori: Gabriella Giustino
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 138-145 Dimensione file: 140 KB
DOI: 10.3280/INT2019-002009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In questo breve contributo ho cercato di esplorare la dimensione intersoggettiva dell’inconscio avvalendomi di un possibile dialogo tra la psicoanalisi e le moderne neuroscien-ze. Ho cercato di esaminare l’interrelazione tra corpo, inconscio non rimosso, sviluppo del Sé e intersoggettività nello sviluppo mentale infantile che, nel processo analitico, si esprime con la nostra capacità di comprendere profondamente gli stati inconsci del Sé del paziente (verbalizza-ti e non). Il modello della simulazione incarnata di Vittorio Gallese e altri riscontri delle neuro-scienze a cui ho fatto riferimento, potrebbero rappresentare un correlato neurobiologico impor-tante di questa dimensione inconscia, aggiungendo un altro tassello alla comprensione dei pro-cessi diadici precoci intersoggettivi e dei fattori terapeutici implicati nel processo analitico.

  1. Ammaniti M., Gallese V. (2014). La nascita della intersoggettività. Lo sviluppo del Sé tra psicodinamica e neurobiologia. Milano: Cortina.
  2. Bion W.R. (1962). Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando.
  3. Bollas C. (1987). L’ombra dell’oggetto. Roma: Borla, 1989.
  4. Bowlby J. (1988). Una base sicura. Milano: Cortina, 1989.
  5. De Masi F. (2012). Lavorare con i pazienti difficili. Torino: Bollati Boringhieri.
  6. Freud S. (1922). L’Io e l’Es. OFS, vol. 9. Torino: Bollati Boringhieri, 1977.
  7. Gaddini E. (1982). Early Defensive Fantasies and the Psychoanalytical Process. International Journal of Psychoanalysis, 63: 379-388.
  8. Giustino G. (2017). Further developments on the concept of fantasy. International Journal of Psychoanalysis, 98, 3: 831-839.
  9. Iacoboni M., Dapretto M. (2006). The mirror-neuron system and the consequences of its dysfunction. Nature Reviews Neuroscience, 7, 12: 942-951.
  10. Kandel E.R. (2018). La mente alterata. Milano: Cortina.
  11. Mancia M. (2006). Implicit memory and early unrepressed unconscious (how the neurosciences can contribute to psychoanalysis). International Journal of Psychoanalysis, 87: 83-103.
  12. Money-Kyrle R. (1927-1977). Scritti. Torino: Loescher, 1985.
  13. Matte Blanco I. (1975). L’inconscio come insiemi infiniti. Saggio sulla bi-logica. Torino: Einaudi, 1981.
  14. Northoff G. (2019). La neurofilosofia e la mente sana. Imparare dal cervello malato. Milano: Cortina.
  15. Parnas J., Handest P. (2003). Phenomenology of Anomalous Self-Experience in Early Schizophrenia. In Comprehensive Psychiatry, 44, 2: 121-134.
  16. Rizzolatti G., Sinigaglia C. (2006). So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Milano: Cortina.
  17. Siegel D. (1999). La mente relazionale. Milano: Cortina, 2013.
  18. Stern D. (1999). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  19. Storolow R.D., Atwood G.E. (1992). I contesti dell’essere. Le basi intersoggettive della vita psichica. Torino: Bollati Boringhieri, 1995.
  20. Winnicott D.W. (1971). Gioco e realtà. Roma: Armando, 1974.

Gabriella Giustino, Inconscio non rimosso e intersoggettività. Una possibile convergenza tra psicoanalisi e neuroscienze in "INTERAZIONI" 2/2019, pp 138-145, DOI: 10.3280/INT2019-002009