I torricini di Giancarlo De Carlo. Il quartiere Pineta e il Piano regolatore di Urbino

Titolo Rivista: STORIA URBANA
Autori/Curatori: Lorenzo Mingardi
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 164 Lingua: Italiano
Numero pagine: 25 P. 95-119 Dimensione file: 434 KB
DOI: 10.3280/SU2019-164006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’opera di Giancarlo De Carlo a Urbino è costituita da una sommatoria di interventi a scala urbana e architettonica che fanno della città uno dei più significativi esempi di campus diffuso progettati nel XX secolo in Italia. A partire dalla metà degli anni Cinquanta i membri della giunta comunale e il rettore Carlo Bo si legano in un progetto di rilancio economico della città affidato al potenziale dell’Ateneo: a De Carlo è assegnato il compito di tradurre tale programma in forme architettoniche ampliando le strutture dell’Università. A tale scopo il PRG riconfigura la città sia all’interno che all’esterno del tessuto storico. Attraverso l’analisi di fonti archivistiche inesplorate, il contributo mette a fuoco le vicende progettuali di uno degli episodi cruciali dello sviluppo extra moenia della città: il quartiere Pineta. L’insediamento, ideato tra il 1963 e il 1964 come piano particolareggiato del PRG e completato agli inizi degli anni Ottanta sotto la supervisione del Comune, è ubicato al margine nord della periferia consolidata, cresciuta fino a quel momento senza un ordine preciso. Gli edifici della Pineta, data anche la loro volumetria, avevano il compito di limitare fisicamente l’espansione di Urbino e costituire la nuova porta della città per chi arrivava da nord. I parallelepipedi della Pineta erano la traslitterazione dei torricini di Palazzo Ducale nella città futura di De Carlo.

Lorenzo Mingardi, I torricini di Giancarlo De Carlo. Il quartiere Pineta e il Piano regolatore di Urbino in "STORIA URBANA " 164/2019, pp 95-119, DOI: 10.3280/SU2019-164006