Ciò che può e non può il gruppo

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Didier Anzieu
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 13 P. 15-27 Dimensione file: 0 KB
DOI: 10.3280/gruoa2-2020oa12578
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Presentiamo la traduzione di un testo di Anzieu del 1984, pubblicato nel libro di Kaës Le travail de l’inconscient. In questo testo Anzieu tocca molti aspetti della psicoanalisi di gruppo del suo tempo e ciò permette di cogliere le evoluzioni teoriche e tecniche di questa disciplina. Il saggio si apre con una breve introduzione di Kaës, che evidenzia come il metodo definisce in negativo ciò che non può conoscere, riconoscere e quindi trasformare: proprio questa è la chiave di lettura per approcciarsi e comprendere l’intero scritto. Anzieu apre il testo prendendo in esame l’interazione tra i partecipanti del gruppo, il conduttore e l’osservatore: in base al livello evolutivo il gruppo può reagire con vissuti persecutori o depressivi. I terapeuti devono far attenzione a non idealizzare il gruppo come oggetto totale onnipotente o parziale feticistico, e a non cadere quindi nell’illusione che il gruppo può tutto. L’autore prosegue parlando di diverse tecniche di conduzione di gruppo e delineando possibili scenari interattivi, spesso persecutori e conflittuali, che i gruppi stessi e i loro conduttori mettono inconsciamente in atto con e/o verso le istituzioni in cui sono inseriti. Le istituzioni, a loro volta, posso determinare e condizionare l’esistenza stessa dei gruppi e dei loro destini. Per l’autore diventa fondamentale la creazione temporanea di uno spazio transizionale in cui costruire un apparato psichico gruppale, intermedio tra quello individuale e quello istituzionale, che renda possibile la simbolizzazione, la catarsi e la perlaborazione dei conflitti vissuti tra terapeuta-gruppo-istituzione.

  1. Kaës R., Anzieu D., Bleger J., Guillaumin J., Jacques E., Kaspi R. e Missenard A. (1979). Crise, rupture et dépassement. Analyse transitionnelle en psychanalyse individuelle et groupale. Paris: Dunod.
  2. Ruffiot A., Eiguer A., Litovsky de Eiguer D., Gear M.C., Liendo E.C. e Perrot J. (1981). La thérapie familiale psychanalytique. Paris: Dunod.
  3. Testemale G. e Chapelier J.-B. (1983). Groupes thérapeutiques et institutions soignantes. Bulletin de Psychologie, novembre-décembre, 363, 37: 195-204.
  4. Freud S. (1921). Psicologia delle masse e analisi dell’Io. OSF, 10, Torino: Bollati Boringhieri.
  5. Kaës R. (1976). L’appareil psychique groupal. Paris: Dunod (trad. it.: L’apparato psichico gruppale. Roma: Armando, 1983).
  6. Anzieu D. (1975a). Le groupe et l’inconscient, l’imaginaire groupal. Paris: Dunod, 1981 (trad. it.: Il gruppo e l’inconscio. L’immaginario gruppale. Milano: Raffaello Cortina, 2019).
  7. Anzieu D. (1975b). Le transfert paradoxal. Nouvelle Revue de Psychanalyse, 12: 49-72.
  8. Anzieu D. (1982). Le psychodrame en groupe large. In: Anzieu D., Béjarano A., Kaës R. e Missenard A., Le travail psychanalytique dans les groupes. Vol. 2, Les voies de l’élaboration. Paris: Dunod.
  9. Anzieu D. (1983). Progrès et problèmes en théorie des groupes. Bulletin de Psychologie, novembre-décembre, 363, 37: 1-12.
  10. Anzieu D. (1984). Ce que peut et ne peut pas le groupe. In: Le travail de l’inconscient. Textes choisis, présentés et annotés par René Kaës. Paris: Dunod, 2009.
  11. Anzieu D. e Martin J.-Y. (1983). La dynamique des groupes restreints. Paris: Puf (trad. it.: Dinamica dei piccoli gruppi. Roma: Borla, 1990).
  12. Anzieu D., Béjarano A., Kaës R. e Missenard A. (1972). Le travail psychanalytique dans les groupes. Vol. 2, Les voies de l’élaboration. Paris: Dunod, 1982 (trad. it.: Il lavoro psicoanalitico nei gruppi. Roma: Armando, 1975).
  13. Caillot J.-P. e Decherf G. (1982). Thérapie familiale psychanalytique et paradoxalité. Paris: Clancier-Guénaud.
  14. Decherf G. (1981). Œdipe en groupe. Psychanalyse et groupes d’enfants. Paris: Clancier-Guénaud.

Didier Anzieu, Ciò che può e non può il gruppo in "GRUPPI" 2/2020, pp 15-27, DOI: 10.3280/gruoa2-2020oa12578