L’uso politico del folclore nella memoria dell’esodo istriano

Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA
Autori/Curatori: Natka Badurina
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 298 Lingua: Italiano
Numero pagine: 15 P. 205-219 Dimensione file: 169 KB
DOI: 10.3280/IC2022-298016
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La lunga durata degli studi sul folclore istriano ha contribuito alla formazione dell’idea di una regione particolarmente ricca di tradizioni popolari. Nel presente lavoro si esamina il ruolo che queste tradizioni e gli studi a esse legati hanno avuto nella memoria italiana degli eventi traumatici che ebbero luogo in Istria durante e immediatamente dopo la Seconda guerra mondiale (le foibe e l’esodo istriano). Studi sulla memoria hanno dimostrato una notevole continuità fra l’interpretazione degli eventi istriani nella propaganda fascista (con il suo antislavismo), e la nazionalizzazione e l’olocaustizzazione della loro memoria avvenuta in ambito italiano dopo il 1989. Il presente lavoro intende avvalorare questa tesi di continuità, soffermandosi sul ruolo che in quella propaganda, come nelle interpretazioni odierne, giocano gli elementi del folclore.

Natka Badurina, L’uso politico del folclore nella memoria dell’esodo istriano in "ITALIA CONTEMPORANEA" 298/2022, pp 205-219, DOI: 10.3280/IC2022-298016