Made in south. Industry between public intervention, dilapidate territory and regenerative strategies

Journal title CRIOS
Author/s Francesco Gastaldi, Giuseppe Guida
Publishing Year 2022 Issue 2022/23 Language Italian
Pages 14 P. 42-55 File size 610 KB
DOI 10.3280/CRIOS2022-023005
DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation click here

Below, you can see the article first page .

If you want to buy this article in PDF format, you can do it, following the instructions to buy download credits

Anteprima articolo

FrancoAngeli is member of Publishers International Linking Association, Inc (PILA), a not-for-profit association which run the CrossRef service enabling links to and from online scholarly content.

The policies supporting southern Italy, implemented since the Second World War o the end of the twentieth century, have contributed to reducing the gap whit the North of the country but these regions are still experiencing difficulties that are unresolved from a political and socio-economic point of view. This condition is reflected in the territorial forms, whose crisis today demands, from an urban planning point of view, pertinent reading and solution models of a strategic type and a regenerative approach. The framework that is traced with regard to public intervention in the South is centered on the role of three actors: big industry and the State, with their reciprocal intermingling, and the southern territorial milieu. From the territorial point of view, a critical relationship between the large industrial areas and the territories of medium and small towns around which the large production 'plates' were implanted, in par- ticular, the Industrial Development Areas, was determined, among other outcomes. Through the case study of the province of Caserta, we suggest the need for an adequate analytical framework and a replicable regenerative approach where rural identities, abandonment, the historical palimpsest and a still persistent industrial vocation vie with each other, affecting the territory's future prospects.

Keywords: public heritage, temporary rent

  1. Accetturo A., De Blasio G. (2019). Morire di aiuti. I fallimenti delle politiche per il Sud (e come evitarli). Torino: IBL Libri.
  2. Adorno S. (2015). Le aree di sviluppo industriale negli spazi regionali del mezzogiorno. In Salvati M., Sciolla L. (a cura di) L’Italia e le sue Regioni. Roma: Istituto dell’Enciclopedia Italiana Trec- cani, 1, 375-394.
  3. Bagnasco A. (1999). Tracce di comunità. Bologna: Il Mulino.
  4. Barca F. (a cura di) (1997). Storia del capitalismo italiano dal dopo- guerra ad oggi. Roma: Donzelli Editore.
  5. Barca F. (2001). Programmazione economica e sviluppo sostenibi- le del territorio. In Ministero dei Lavori Pubblici. Conferenza nazionale del territorio. Le domande del Territorio, otto con- fronti per l’innovazione. Roma: INU, 5-16.
  6. Berger A. (2006). Drosscape. Wasting land in Urban America. New York: Princeton Architectural Press.
  7. Brenner N. (2016). Stato, spazio, urbanizzazione. Milano: Guerini. Broccoli P. (2019). La modernizzazione di Terra di Lavoro (1957-1973). Catanzaro: Rubbettino Editori.
  8. Brusco S. (2008). I distretti industriali: lezioni per lo sviluppo. Una lettera e nove saggi (1190-2002). Bologna: il Mulino.
  9. Brusco S., Paba S. (1997). Per una storia dei distretti industriali ita- liani da secondo dopoguerra agli anni Novanta. In Barca F., (a cura di) Storia del capitalismo italiano dal dopoguerra ad oggi. Roma: Donzelli Editore, 265-333.
  10. Castanò F. (2021). Il sicuro procedere dell’industria lungo la “via del sud”. Il caso dell’Olivetti di Marcianise. Storia Urbana, 165: 1-21.
  11. Chiarello F. (1998). Capitale sociale, capitale naturale e sviluppo. Nord e Sud, 9: 40-59.
  12. Cole R.J. (2012). Transitioning from green to regenerative design.
  13. Building Research and Information, 778(40): 39-53.
  14. Coppola A., Del Fabbro M., Lanzani A., Pessina G., Zanfi F. (a cura di) (2021). Ricomporre i divari. Politiche e progetti territoriali contro le disuguaglianze e per la transizione ecologica. Bo- logna: Il Mulino.
  15. Corboz A. (1985). Il territorio come palinsesto. Casabella, 516: 22-27. Dattomo, N. (2011).. La legge 634/57 e il progetto di sviluppo per il Mezzogiorno. Storia Urbana, 130: 8-10.
  16. De Rita G., Bonomi A. (a cura di) (1998). Manifesto per lo sviluppo locale. Torino: Bollati Boringhieri.
  17. De Rossi A. (a cura di) (2018). Riabitare l'Italia. Le aree interne tra abbandoni e riconquiste. Roma: Donzelli editore.
  18. Donolo C. (1999). Questioni meridionali. Napoli: L’Ancora.
  19. European Commission (2012). Eco-innovation the key to Europe’s future competitiveness.
  20. Fabbri M. (1975). Le ideologie degli urbanisti nel dopoguerra. Bari: De Donato.
  21. Felice E. (2007). Divari regionali e intervento pubblico. Per una rilettura dello sviluppo in Italia. Bologna: Il Mulino.
  22. Felice E. (2013). Perché il Sud è rimasto indietro. Bologna: Il Mulino. Felice E., Andreu J. P., D’Ippoliti C. (2016). GDP and life expectancy in Italy and Spain over the long run: A time-series approach. Demographic Research, 35: 813-866.
  23. Forman R. T. (2008). Urban Regions: Ecology and Planning Beyond the City. New York: Cambridge University Press.
  24. Formato E. (2015). Reparti produttivi nel Mezzogiorno d’Italia: lost in translation e potenzialità di trasformazione territoriale. In Ita- lia 45-45. Radici, condizioni, prospettive. Planum publisher: 194-201.
  25. Franzini M. (1996). Meno trasferimenti, più sviluppo? Politici, istitu- zioni e ritardo del Mezzogiorno. Meridiana, 26-27: 75-90.
  26. Galderisi A., Guida G. (2019). Un frame teorico-metodologico per la rigenerazione dei territori periurbani. Un pilot case nel territorio casertano. Urbanistica Informazioni Special Issues: 154-160.
  27. Galderisi A., Guida G. (2020). Territori periurbani oltre la sostenibili- tà: luoghi snodo per l’attivazione di strategie rigenerative. In Archivio di Studi Urbani e Regionali, 127: 76-99.
  28. Gastaldi F. (2011). Ruolo del capitale sociale territoriale nella promo- zione dello sviluppo locale. In Buratti N., Ferrari C. (a cura di) La valorizzazione del patrimonio di prossimità tra fragilità e sviluppo locale. Un approccio multidisciplinare. Milano: Fran- coAngeli, 61-80.
  29. Girardet H. (2015). Creating Regenerative Cities. New York: Rout- ledge.
  30. Guida G. (2022). Manufactured in the Peri-Urban: Regenerative Strategies for Critical Lands. In: Amenta L., Russo M., van Timmeren A., (a cura di) Regenerative Territories. GeoJour- nal Library: 28. Springer, Cham, 247-254.
  31. Guida G., Bello G., Vittiglio V. (2021). Territories in the Middle of the Ford. Mapping and Knowledge for Nature-Based Approach in the South Italy. Sustainability, 13(11): 6351.
  32. Jedlowski P. (1998). Mezzogiorno invisibile. Il Mulino, 1: 35-52. Lanzani A. (1996). Immagini del territorio e idee di piano 1943-1963. Milano: FrancoAngeli.
  33. Lepore A. (2011). La valutazione dell'operato della Cassa per il Mez- zogiorno e il suo ruolo strategico per lo sviluppo del Paese. Rivista giuridica del Mezzogiorno, 1-2, a. XXV, 281-317.
  34. Magnaghi A. (2000). Il progetto locale. Torino: Bollati Boringhieri. Merola G. (1995). Metapiano per Caserta. Aree Industriali e Territo-
  35. rio Provinciale. Napoli: Fiorentino.Newmann P., Beatley T., Boyer H. (2017). Resilient Cities. Overco- ming Fossil Fuel Dependence. Washington: Island Press/ Center for Resource Economics.
  36. Palazzo D., Steiner F. (2011). Urban Ecological Design. A process for Regenerative Places. Washington: Island Press.
  37. Parisi R. (2011). Stato e fabbriche. Architettura e urbanistica per le aree di sviluppo industriale nel secondo Novecento meridio- nale. Patrimonio Industriale, 8: 57-69.
  38. Radogna P. (1965). Sviluppo industriale e pianificazione territoriale nel Mezzogiorno. Urbanistica, 45: 10-40.
  39. Regione Campania (2022). Masterplan – Por Campania Fesr 2014- 2020, -- on line [https://porfesr.regione.campania.it/it/proget-ti-e-beneficiari/masterplan-litorale-domitio-flegreo/master- plan?page=1]
  40. Russo M. (2015). Multiscalarità. dimensioni e spazi della contempo- raneità. Archivio di Studi Urbani e Regionali, 113: 5-22.
  41. Salone C. (1999). Il territorio negoziato. Firenze: Alinea.
  42. Shane D. (2005). Recombinant Urbanism: Conceptual Modeling in Architecture. Urban Design and City Theory. Chichester: John Wiley & Sons Inc.
  43. Trigilia C. (1992). Sviluppo senza autonomia. Bologna: Il Mulino. Trigilia C. (1995). Dinamismo privato e disordine pubblico. Politi-
  44. ca, economia e società locali. In AA. VV. (a cura di) Storia dell’Italia repubblicana. Volume secondo. La trasformazione dell’Italia: sviluppo e squilibri. Tomo 1 Politica, economia, so- cietà. Torino: Einaudi, 713-777.
  45. Trigilia C. (2012). Non c’è Nord senza sud. Perché la crescita dell’Ita- lia si decide nel Mezzogiorno. Bologna: Il Mulino.
  46. Viesti G. (2000). Come nascono i distretti industriali. Roma-Bari: Laterza.
  47. Viesti G. (2021). Centri e periferie. Europa, Italia, Mezzogiorno dal XX al XXI secolo. Bari-Roma: Laterza.
  48. Vittorini M. (1971). Indirizzi strategici di assetto territoriale per l’in- quadramento dei programmi di intervento nel Mezzogiorno. Urbanistica, 57: 63-74.

Francesco Gastaldi, Giuseppe Guida, Made in sud. L'industria tra intervento pubblico e territorio dilapidato in "CRIOS" 23/2022, pp 42-55, DOI: 10.3280/CRIOS2022-023005