Clinica nel sociale: l’esperienza presso un centro di accoglienza per migranti. Riflessioni ed emozioni fra luci e ombre

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Michelangelo Grenci
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 15 P. 155-169 Dimensione file: 0 KB
DOI: 10.3280/gruoa1-2020oa10491
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’autore descrive la propria esperienza clinica in un Centro di Accoglienza Straordinario (CAS) per migranti, evidenziandone il contesto organizzativo e il rapporto con le istituzioni. Partendo dal tema migratorio, si descrivono le attività clinico-psicologiche in connessione con le complesse forme e livelli gruppali operanti, esplicitamente e implicitamente, nel servizio. Si individuano infine i costrutti di "perturbante" e "perversione relazionale" come utili a promuovere una rilettura riflessiva dell’esperienza.

  1. Bleger J. (2011). Psicoigiene e psicologia istituzionale. Molfetta (BA): La Meridiana.
  2. Burrow T. (1927). Il problema del transfert. In: Gatti Pertegato E. e Orghe Pertegato G., a cura di, Dalla psicoanalisi alla fondazione della gruppoanalisi. Milano: Ipoc, 2009.
  3. Filippini S. (2005). Relazioni perverse. Milano: FrancoAngeli.
  4. Racamier P.C. (1993). Il genio delle origini. Milano: Cortina.
  5. Racamier P.C. (2012). Décervelage e perversione nelle istituzioni. Gruppi, XIV, 2: 11-27. DOI: 10.3280/GRU2012-002002
  6. Ricolfi L. (2019). La società signorile di massa. Milano: La nave di Teseo.
  7. Stanghellini G. (2017). Noi siamo un dialogo. Milano: Cortina.

Michelangelo Grenci , Clinica nel sociale: l’esperienza presso un centro di accoglienza per migranti. Riflessioni ed emozioni fra luci e ombre in "GRUPPI" 1/2020, pp 155-169, DOI: 10.3280/gruoa1-2020oa10491