RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA





Proporre un articolo
RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA
Nuova edizione Open Access
4 fascicoli all'anno , ISSN 0035-6697 , ISSNe 2499-748X

Articoli scaricabili gratuitamente


Articoli della rivista disponibili in modalità "Open Access". Clicca qui


La pubblicazione della Rivista Geografica Italiana ha inizio a Firenze nel 1894, ad opera del geografo Filippo Maria Pasanisi. Nel primo numero, che delinea il programma di lavoro per gli anni a venire, appare particolarmente significativo l’intento di promuovere e di diffondere una fattiva conoscenza dell’Italia: compito essenziale del periodico è infatti - nelle parole dei redattori Filippo Maria Pasanisi e Giovanni Marinelli - adoperarsi con vigile rigore scientifico ad «un lavoro di raccolta, di ordinamento e di lenta ma efficace elaborazione dei dati fondamentali illustrativi del nostro paese». Ben presto la Rivista, grazie alla convenzione conclusa con la Casa Editrice Dante Alighieri, che ne curava all’epoca la pubblicazione, divenne l’organo della Società di Studi Geografici e Coloniali (oggi Società di Studi Geografici), fondata a Firenze nel 1895. Già nella prima annata la Rivista superò le 650 pagine; tra i collaboratori figuravano, oltre ai suoi redattori, alcuni fra i maggiori geografi italiani del tempo: Mario Baratta, Renato Biasutti, Giovanni De Agostini, Olinto Marinelli, Attilio Mori. Osservando i materiali editi sulla Rivista a partire dalle sue origini, si può osservare come gli scopi e la struttura originali siano sostanzialmente rimasti invariati. Lo spirito strettamente scientifico delle sue pubblicazioni, consolidatosi in parallelo ad un progressivo ampliamento delle tematiche analizzate, è rimasto una caratteristica di fondo della linea editoriale. Oggi la Rivista Geografica Italiana si propone come eminente espressione degli studi geografici nell’ambiente linguistico-culturale italiano. Essa è l'unica rivista di geografia umana pubblicata in Italia che figura nel repertorio Scopus, dal 2013. Ed è in classe “A” della classifica ANVUR fin da quando tale classifica è stata creata All’interno di un dibattito scientifico sempre più internazionalizzato nelle forme e nei contenuti, il desiderio e la necessità di superare la ristretta cerchia di coloro che leggono l’italiano hanno portato all’adozione, come lingue ufficiali della Rivista, anche dell’inglese, del francese e dello spagnolo. In tal modo si è proseguita, ampliandone portato ed impatto, un’antica e consolidata apertura internazionale. La Rivista Geografica Italiana viene pubblicata ogni tre mesi per un totale di 4 numeri all’anno (marzo, giugno, settembre, dicembre). È divisa nelle seguenti sezioni: Articoli: sono scritti scientifici dei quali è stata verificata, da esperti italiani e/o esteri, l’originalità e la qualità. Opinioni e dibattiti: sono scritti non sottoposti a peer review, bensì solo ad un controllo di qualità da parte della Redazione, contenenti prese di posizione su tematiche varie, delle quali si ritiene di lasciare più spiccatamente la responsabilità agli autori. Informazione Bibliografica: contiene recensioni di volumi pubblicati in Italia e all’estero nei due anni precedenti all’uscita di ciascun numero della Rivista, considerati di interesse per la comunità geografica.

Redazione: Bruno Vecchio (direttore responsabile) Univ. di Firenze, Silvia Aru (condirettore) Univ. van Amsterdam, Sara Bonati Univ. di Firenze, Filippo Celata (condirettore) Univ. di Roma "La Sapienza", Francesco Dini Univ.di Firenze, Anna Guarducci Univ. di Siena, Matteo Puttilli (condirettore) Univ. degli studi di Firenze, Chiara Rabbiosi (condirettore, coordinatore recensioni) Univ. di Padova, Leonardo Rombai Univ. di Firenze, Patrizia Romei Univ. di Firenze.
Comitato scientifico: John A. Agnew (UCLA College, Los Angeles, CA), Horacio Capel Saez (Univ. de Barcelona), Alberto Carton (Univ. di Padova), Gisella Cortesi (Univ.di Pisa), Giuseppe Dematteis (Politecnico di Torino), Pierpaolo Faggi (Univ. di Padova), Franco Farinelli (Univ. di Bologna), Paolo Roberto Federici (Univ. di Pisa), Maria Dolors Garcia Ramon (Univ. Autònoma de Barcelona), Vincenzo Guarrasi (Univ. di Palermo), Russell King (Univ. of Sussex, Brighton), Piergiorgio Landini (Univ. "G. D’Annunzio", Chieti-Pescara), Elio Manzi (Univ. di Napoli "L’Orientale"), Claudio Minca (Univ. di Bologna), Rolf Monheim (Univ. Bayreuth), Denise Pumain (Univ. Paris 1 Panthéon-Sorbonne), Claude Raffestin (Univ. de Genève), Andres Rodrigues-Pose (London School of Economics), Vittorio Ruggiero (Univ. degli studi di Catania), Paola Sereno (Univ. degli studi di Torino), Claudio Smiraglia (Univ. degli studi di Milano), Ola Soderstrom (Univ. de Neuchâtel), David E. Sugden (Univ. of Edinburgh), Maria Tinacci Mossello (Univ. degli studi di Firenze).

Sede direzione e redazione: Rivista Geografica Italiana, Dipartimento SAGAS, Via S. Gallo 10, 50129 Firenze - Tel. +39 (0)55 2757956 www.rivistageograficaitaliana.it; e-mail: redazione@rivistageograficaitaliana.it
Si prega di inviare le proposte di recensione e i relativi volumi a: Matteo Puttilli, Società di Studi Geografici, Dipartimento SAGAS, Via San Gallo 10, 50129 Firenze; e-mail: redazione@rivistageograficaitaliana.it

Dal 2007, gli articoli proposti per la pubblicazione sulla Rivista geografica italiana sono sottoposti alla procedura di revisione che viene descritta di seguito.
Ogni scritto viene in primo luogo valutato dalla Direzione della Rivista.
Se lo scritto passa l’esame di questa prima lettura, viene reso anonimo per il successiva invio ai revisori esterni.
Lo scritto viene reso anonimo eliminando non soltanto il nome e l’affiliazione dell’autore, ma anche altri elementi che potrebbero portare a identificare il nome dell’autore; per esempio, per quanto possibile, la citazione nel testo e nella bibliografia finale di scritti del medesimo autore.
I revisori possono esseri membri del Comitato scientifico, del Board dei referees, o selezionati caso per caso dalla Redazione. I revisori sono persone di provata fama scientifica, e con esperienza di pubblicazione su riviste internazionali.
L’elenco completo dei referee è conservato presso la Redazione e pubblicato ogni due anni sul sito della Rivista.
L’articolo anonimo viene inviato a ciascun revisore corredato di un questionario, nel quale si chiede:
- un giudizio analitico su singoli aspetti dell’articolo;
- un commento sull’articolo, da comunicare all’autore;
- un commento confidenziale sull’articolo, riservato alla Direzione della Rivista;
- un giudizio sulla pubblicabilità dell’articolo, articolato nelle seguenti cinque possibilità:
a) Accettabile per la pubblicazione nell’attuale versione;
b) Accettabile ma solo dopo revisioni secondarie;
c) Accettabile ma con revisioni sostanziali e con suggerimento di nuovo invio del lavoro alla rivista e conseguente nuovo processo di revisione;
d) Non accettabile ma si consiglia agli autori di proporre il lavoro altrove;
e) Non accettabile;
Il commento viene a questo punto rinviato all’autore.
Nel caso b), dopo che l’autore ha adempiuto alle modifiche richieste da uno o da entrambi i revisori, rinvia l’articolo alla Redazione, che giudica autonomamente se gli adeguamenti sono soddisfacenti. In caso negativo, la Redazione chiede ulteriori adeguamenti.
Nel caso c), dopo che l’autore ha adempiuto alle modifiche richieste da uno o da entrambi i revisori, rinvia l’articolo alla Direzione, che a sua volta rinvia all’articolo al revisore o ai revisori che hanno formulato tale giudizio, per permettere loro di giudicare se gli adeguamenti sono soddisfacenti. In caso negativo, il revisore chiede ulteriori adeguamenti, fino a che questi sono ritenuti corretti.
Nel caso che uno fra i revisori esprima un giudizio del tipo a, b, c, e l’altro revisore esprima un giudizio del tipo d, e, la Redazione valuta se l’articolo debba essere respinto, o inviato a un terzo revisore (senza informarlo dei giudizi precedenti). Nel caso venga formulato un giudizio a, b, c, l’articolo viene ammesso, seguendo uno degli iter esposti in precedenza.

Fascia A Anvur per settore concorsuale: area 11/B1 (Geografia)
Per il ranking in Google Scholar, clicca qui

FrancoAngeli è consapevole dell’importanza - per accrescere visibilità e impatto delle proprie pubblicazioni - di assicurare la conservazione nel tempo dei contenuti digitali. A tal fine siamo membri delle due associazioni internazionali di editori e biblioteche - Clockss e Portico - nate per garantire la conservazione delle pubblicazioni accademiche elettroniche e l’accesso futuro nel caso in cui venissero a mancare le condizioni per accedere al contenuto tramite altre forme.

Sono repository certificati che offrono agli autori e alle biblioteche anche la garanzia dell’aggiornamento tecnologico e di formati per permettere di fruire in perpetuo e nel modo più completo possibile dei full text.

Per saperne di più: Home - CLOCKSS; Publishers – Portico.

La circolazione della rivista mira a valorizzarne l’impatto presso la comunità accademica e il mondo della ricerca.





Fascicolo 2/2021 

"Social nature geographies. Le geografie e l'approccio sociale alla natura"


Sara Bonati, Marco Tononi, Giacomo Zanolin, Le geografie e l’approccio sociale alla natura
Stefania Albertazzi, Valerio Bini, La produzione della natura nella postcolonia: la foresta Mau (Kenya)
Stefano Malatesta, Uniche, remote e vulnerabili: il ‘bisogno di natura’ nella geo-grafia delle regioni insulari
Sara Bonati, Dal climate denial alla natura da salvare: il riduzionismo nella narrazione dei cambiamenti climatici
Sara Luchetta, Giada Peterle, Geografie letterarie della natura: appunti per un’esplorazione more than human
Giacomo Zanolin, La natura e l’ immaginario: le aree protette come costruzioni sociali
Marco Tononi, Nature urbane. Rinaturalizzare la città (post)industriale, l’esempio di Brescia
Margherita Cisani, A ride on the wild side. Il ruolo della natura nei paesaggi della ciclabilità
Giacomo Pettenati, La rinaturalizzazione del cibo in Valposchiavo: ecologia politica di una ‘valle bio’
Redazione RGI, Informazione bibliografica


Fascicolo 1/2021 


Francesca Rota, Marco Bagliani, Paolo Feletig, Fiorenzo Ferlaino, La resilienza delle metroregioni italiane nel periodo della crisi economica mondiale 2008-2016 tra sensitività e capacità occupazionale
Andrea Corsale, Monica Iorio, Fuori dal campo: un “Nuovo abitare possibile” per i rom di Cagliari?
Stefania Cerutti, Il turismo backpacker nell’esperienza degli studenti universitari: analisi di un caso italiano
Francesco Menegat, Paesaggio acustico: il soundscape in relazione ad ascolto, voce e musica
Teresa Isemburg, Brumadinho e le altre
Redazione RGI, Informazione bibliografica


Sommari delle annate

2021  

Clicca qui per gli articoli delle annate precedenti.