Le nostre spedizioni verranno sospese per la pausa estiva dal 27 luglio al 21 agosto (inclusi). Buone vacanze!
Per un'integrazione possibile.

Paolo Parra Saiani, Stefania Della Queva, Francesca Cuppone, Davide Scotti, Alessia Ceresa, Andrea Pirni, Emiliana Mangone

Per un'integrazione possibile.

Processi migratori in sei aree urbane

I risultati di una ricerca che ha studiato l’ambito nel quale il processo di integrazione degli immigrati sembra presentare particolari criticità: quello relativo alle grandi città e alle loro periferie. Sono state analizzate: Roma e Milano, due realtà a elevata presenza di immigrati considerate come territori nei quali si concentrano maggiormente i problemi della convivenza multiculturale; Acerra e Chieri, scelte in relazione alle differenti modalità di integrazione operanti in queste città e alla loro collocazione territoriale.

Edizione a stampa

34,50

Pagine: 352

ISBN: 9788856824513

Edizione: 1a edizione 2010

Codice editore: 1420.178

Disponibilità: Discreta

Pagine: 352

ISBN: 9788856826920

Edizione:1a edizione 2010

Codice editore: 1420.178

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Disagio sociale, abitativo e scolastico, insicurezza e degrado urbano, problemi culturali e comunicativi, carenza di politiche sociali per le aree a rischio. Ma anche convivenza, integrazione - o voglia di integrarsi -, reciproca stima. O, spesso, indifferenza. Sono questi gli aspetti più rilevanti emersi dalla ricerca Processi migratori e integrazione nelle periferie urbane promossa dal Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione del Ministero dell'Interno italiano e coordinata dall'Università Cattolica di Milano.
Il volume riporta i casi di studio condotti in sei diversi territori di quattro realtà metropolitane e cittadine: Roma (Municipio 6, Torpignattara e Municipio XV, Trullo), Milano (zona 2 e zona 7), Acerra (provincia di Napoli) e Chieri (provincia di Torino). Gli ambiti territoriali selezionati sono dei veri e propri laboratori di intervento sociale nei quali elaborare "buone pratiche" di integrazione e di sicurezza urbana. Solo attraverso l'approfondita conoscenza dei meccanismi che agiscono a livello locale sarà possibile intervenire per prevenire e contrastare le dinamiche di produzione del disagio sociale.

Paolo Parra Saiani insegna Metodologia della ricerca sociale presso la Facoltà di Sociologia dell'Università Cattolica di Milano e nel Master in Metodología de la investigación social a Buenos Aires.
Stefania Della Queva è dottore di ricerca in Ricerca applicata nelle scienze sociali (Università "La Sapienza" di Roma).
Francesca Cuppone è dottore di ricerca in Ricerca applicata nelle scienze sociali (Università "La Sapienza" di Roma).
Davide Scotti, psicoterapeuta e gruppoanalista, collabora con diversi enti pubblici e privati.
Alessia Ceresa è dottore di ricerca in Criminologia (Università degli Studi di Trento) e ricercatore presso ITSTIME (Dipartimento di Sociologia, Università Cattolica di Milano).
Andrea Pirni è ricercatore in Sociologia dei fenomeni politici presso l'Università di Genova e insegna Sociologia alla Facoltà di Economia dell'Università di Firenze.
Emiliana Mangone è ricercatrice di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l'Università degli Studi di Salerno.



Paolo Parra Saiani, Periferie e integrazione: percorsi di analisi
(Il perché della ricerca; La scelta dei casi e le tecniche di indagine; La struttura e i contenuti del valore)
Stefania Della Queva, Tra realtà e pregiudizi: il caso di Torpignattara a Roma
(Introduzione; La scelta del quartiere; Il contesto di indagine; La popolazione; Criminalità e sicurezza; I servizi; Criticità; Conclusioni. Gli spazi per le politiche)
Francesca Cuppone, Una lettura dei problemi fra le righe della storia e dei bisogni. Il caso del quartiere Trullo a Roma
(Incipit: la comunione rappresentazione di una periferia; Il quartiere; La presenza straniera; Criminalità e sicurezza; Contestualizzazione di un disagio nella ricorrenza dei problemi)
Davide Scotti, Alla frontiera dell'incontro: il caso della zona 2 di Milano
(Il contesto locale; Il sistema dei sevizi; L'economia migrata; Gli attori deputati alla sicurezza; Alla Frontiera dell'incontro)
Alessia Ceresa, Le "terre di Nessuno": il caso della zona 7 di Milano
(Introduzione; Il territorio; La popolazione; Il comparto scolastico; L'edilizia; Il sociale; Il problema "sicurezza")
Paolo Parra Saiani, Andrea Pirni, Presenza o convivenza? Il caso di Chieri
(Introduzione; Chieri e i fenomeni migratori: il contesto; "L'economia immigrata": immigrati lavoratori e imprenditori; Stranieri a scuola; Criminalità e sicurezza. Uno sguardo alla provincia di Torino e a Chieri; Immagini della presenza straniera a Chieri; Immagini della presenza straniera a Chieri; La città divisa; Conclusioni. Gli spazi per le politiche)
Emiliana Mangone, Tra discrezione sociale e integrazione: il caso di Acerra
(Il territorio di Acerra e i suoi elementi distintivi; Le rappresentazioni sociali del disagio; Quali politiche d'integrazione per il futuro?)
Riferimenti bibliografici
Gli autori.

Potrebbero interessarti anche