Teorie su equità e giustizia sociale

Autori e curatori
Contributi
Andrea Antonilli, Matteo Galletti, Emilio Cocco, Giancarlo Corsi, Fabio Lelli, Carmine Clemente, Silvia Zullo, Susanna Vezzadini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,      1a edizione  2012   (Codice editore 1042.63)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Teorie su equità e giustizia sociale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820401078

In breve

Stimolare analisi sociologiche della realtà attraverso i più importanti concetti connessi allo studio dell’equità e della giustizia sociale: questo l’obiettivo del testo, che tratta temi quali sicurezza, benessere, politica della differenza, multiculturalismo, riconoscimento, capabilities, violenza strutturale, codici sistemici, democrazia deliberativa, virtù.

Utili Link

Paperblog.com Recensione (di Marianna Micheluzzi)… Vedi...
Paperblog.com Recensione (di Marianna Micheluzzi)… Vedi...

Presentazione del volume

Per effetto della perdurante crisi economica, le parole "equità" e "giustizia sociale" appaiono con sempre maggiore frequenza all'interno del dibattito pubblico. Ci si interroga su dove tagliare, a chi imporre più sacrifici, su quali settori investire per recuperare produttività e benessere. Ma quali principi si debbono adottare per fare queste scelte?
L'intento di questo volume è quello di stimolare analisi sociologiche della realtà attraverso i più importanti concetti connessi allo studio dell'equità e della giustizia sociale: sicurezza, benessere, politica della differenza, multiculturalismo, riconoscimento, capabilities , violenza strutturale, codici sistemici, democrazia deliberativa, virtù. Per questo, vengono presentate in modo chiaro e rigoroso le principali teorie sulla giustizia sociale di autori che sono considerati dei capisaldi; dei "classici", come Rawls, Habermas o Sen, ma anche degli autori abbastanza trascurati in Italia come Luhmann, o trascuratissimi come Farmer, senza dimenticare il pensiero di Nussbaum, Taylor, MacIntyre e Honneth. Autori da criticare, ma imprescindibili per chiunque voglia intraprendere un percorso di studio lungo queste dimensioni.

Antonio Maturo , professore associato, insegna Giustizia ed equità sociale presso l'Università di Bologna e Sociologia della salute presso l'Università di Bologna e la Brown University. Autore di numerose pubblicazioni, per i nostri tipi ha scritto Sociologia della malattia (2007) e curato (con C. Cipolla, a cura di) Scienze sociali e salute nel XXI secolo (2008). Ha inoltre curato, con Peter Conrad, La medicalizzazione della vita , "Salute e Società" VIII/2 (2009) (versione italiana e inglese) e, con Marco Bontempi, Salute e salvezza (2010). Visiting Scientist presso Harvard e New York University, ha tenuto conferenze presso Boston University, University of Massachussets, UCLA, Oregon State University, Umeå Universiteit, Katholieke Universiteit Leuven e altre. È inoltre membro della Commissione esecutiva della European Society for Health and Medical Sociology e segretario scientifico della rivista "Salute e Società".

Indice



Antonio Maturo, Introduzione
Andrea Antonilli, Charles Taylor: multiculturalismo tra identità e riconoscimento
Matteo Galletti,
La giustizia come virtù. Etica e politica in Alasdair MacIntyre
Emilio Cocco,
Jürgen Habermas e la giustizia come democrazia deliberativa
Giancarlo Corsi,
Giustizia ed equità nella prospettiva della teoria dei sistemi
Fabio Lelli,
John Rawls e la giustizia come equità
Carmine Clemente, Amartya Sen: l'equità come sviluppo delle capabilities
Silvia Zullo,
Contratto sociale, equità e diritti nell'approccio delle capacità di Martha Nussbaum
Antonio Maturo,
Giustizia sociale tra svantaggio sistematico e violenza strutturale: le prospettive di Powers/Faden e Farmer
Susanna Vezzadini,
Axel Honneth e la giustizia come "riconoscimento"
Notizie sugli autori.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi