La crisi della sovranità.

Un mese di sociale 2012

Autori e curatori
Contributi
Giuseppe De Rita, Giuseppe Roma
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 112,      1a edizione  2012   (Codice editore 139.28)

La crisi della sovranità. Un mese di sociale 2012
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 15,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820409821
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 11,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856857061
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Una riflessione sulla crisi della sovranità, che non risiede più nelle mani dello Stato, della politica o degli organismi sovranazionali, ma slitta sempre più in alto, nel potere incontrollato della finanza internazionale, con flussi e ricatti di potere che non hanno precedenti nella storia dell’Occidente. La categoria nazionale dei “tecnici” risulta così legittimata dai ristretti circuiti della nuova sovranità.

Presentazione del volume

La crisi della sovranità è il titolo dell'appuntamento di riflessione del Censis "Un mese di sociale/2012". Per centocinquant'anni siamo stati abituati all'idea che la sovranità sta nello Stato e nella politica che lo gestisce ai vari livelli, ma oggi ci rendiamo conto ogni giorno di più che la sovranità si è spostata altrove. Non sta più nello Stato, a volte persino umiliato da decisioni imposte dall'esterno e da un'etica eterodiretta rispetto alla dinamica socio-statuale. Non sta più nelle sedi di potere politico (le assemblee elettive) e nelle cinghie di trasmissione dalla base a tali sedi (la rappresentanza). Non sta più nemmeno negli organismi sovranazionali, ormai svuotati della loro base di rappresentanza degli Stati membri e spesso diventati meri portavoce dei vincoli che i mercati impongono alle comunità nazionali. La nuova sovranità slitta sempre più in alto, nel potere incontrollato della finanza internazionale, con flussi e ricatti di potere che non hanno precedenti nella storia dell'Occidente. La categoria nazionale dei "tecnici" risulta così legittimata dai ristretti circuiti della nuova sovranità. E il popolo? Sovrano in Costituzione, destinato alla piazza o al mugugno.

Indice

Giuseppe Roma, Introduzione
Dove sta oggi la sovranità
(Perché è importante capire dove sta oggi la sovranità; La vulnerabilità finanziaria dell'Italia; Sovranità in fuga verso l'alto, ma la politica italiana poteva fare di più; Cautamente europeisti; La sovranità perduta del cittadino; I risvolti sociali di una società fragile ed eterodiretta; Tra incertezza e tentazione di abbandonarsi alla sovradeterminazione)
L'assestamento delle micro-sovranità
(Il recupero dei piccoli spazi di decisionalità; L'autodeterminazione della famiglia; L'arbitraggio collettivo nei consumi; La micro-sovranità nella comunicazione; Riprendersi la sovranità sul territorio)
L'antagonismo errante
(La crescita per proliferazione delle "procedure antagoniste"; Le ragioni, le forme e i luoghi della protesta; Il profilo sociale di chi aderisce alla protesta)
Le uscite possibili
(Le vie d'uscita possibili; Liberarci dal peso del debito; Ricostruire la politica della rappresentanza; Affidarsi anche alle piccole virtù?)
Un confronto di opinioni autorevoli
Giuseppe De Rita, Conclusioni.