Innovazione, industria culturale e branding territoriale

Contributi
Nello Barile, Nicola Ferrigni, Carlo Gelosi, Salvatore Loprevite, Roberto Mavilia, Antonio Rafele, Domenico Siclari, Giuseppe Vacalebre
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 190,      1a edizione  2020   (Codice editore 1520.812)

Innovazione, industria culturale e branding territoriale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

La nostra epoca è caratterizzata da una riconfigurazione profonda di ogni aspetto della società, risultato della trasformazione digitale in atto che ha modificato le modalità con le quali abitiamo il tempo e lo spazio. Il percorso interdisciplinare del testo, utilizzando gli strumenti teorici di diversi ambiti di studio − dalla mediologia alla sociologia urbana, dal diritto all’economia −, mira a illustrare alcune fra le innovazioni di cui siamo spettatori e protagonisti.

Presentazione del volume

La nostra epoca è caratterizzata da una riconfigurazione profonda di ogni aspetto della società, risultato della trasformazione digitale in atto che ha modificato le modalità con le quali abitiamo il tempo e lo spazio. Il percorso interdisciplinare del testo, utilizzando gli strumenti teorici di diversi ambiti di studio - dalla mediologia alla sociologia urbana, dal diritto all'economia - mira a illustrare alcune fra le innovazioni di cui siamo spettatori e protagonisti.
Nella prima sezione del volume vengono forniti gli strumenti per comprendere la nascita dell'industria culturale, analizzandone il processo che dall'affermarsi della metropoli giunge alle reti digitali. La seconda sezione offre una riflessione teorica ed empirica su come la città costituisca un laboratorio per una nuova ibridazione fra le forme tradizionali e l'innovazione tecnologica. L'ultima sezione, infine, presenta alcuni esempi delle nuove dinamiche innescate nel campo economico dalle recenti trasformazioni culturali e digitali, prendendo in esame le nuove forme di impresa sociale e le prospettive economiche legate all'intelligenza artificiale e al suo potenziale.

Simona Totaforti è professore associato di Sociologia dell'ambiente e del territorio presso l'Università per Stranieri "Dante Alighieri" di Reggio Calabria e Direttore di ReLab - Studies for Urban ReEvolution, un centro di ricerca che si occupa di studi urbani con una particolare attenzione alle persone, alla qualità della vita e all'ecosistema urbano. Tra i suoi scritti più recenti: "L'exploration de la mémoire urbaine: politiques de mémoire et amnésie", in Société, n. 145, 3/2019; "Applying the benefits of biophilic theory to hospital design", in City Territory Architecture, 5: 1, 2018; Il paziente cittadino. L'ospedale come sistema e come esperienza, FrancoAngeli, 2017.

Guerino Nuccio Bovalino
è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze della Società e della Formazione d'Area Mediterranea dell'Università per Stranieri "Dante Alighieri" di Reggio Calabria. È docente di Immaginari dell'Era digitale e di Political Philosophy for European Issues presso la medesima Università, dove dirige il Master in Information Communication Technology for Development (ICT4D) e Andromeda, Digital Transformation Lab. È chercheur del CEAQ Sorbonne di Parigi. È autore di Imagocrazia. Miti, immaginari e politiche del tempo presente, Meltemi, 2018.

Indice

Simona Totaforti, Guerino Nuccio Bovalino, Premessa
Parte I. L'industria culturale
Antonio Rafele, Genesi dell'industria culturale: la metropoli e la moda nelle riflessioni di Simmel e Benjamin
(Introduzione; Le metropoli e la vita dello spirito; La moda; Il sistema dei media; Bibliografia)
Guerino Nuccio Bovalino, L'industria culturale e i linguaggi digitali
(Reti e nuove soggettività: corpo e sensi nella dimensione digitale; Le nuove forme del consumo nell'ambiente digitale: videogiochi e pornografia; La trasfigurazione del consumo: l'industria post-culturale; Bibliografia)
Domenico Siclari, Studio sulla rivalenza dei patrimoni culturali immateriali
(La tutela delle testimonianze aventi valore di civiltà: questioni aperte; Il concetto di patrimonio culturale, primo baluardo per la tutela dell'immaterialità; I patrimoni culturali fattori identitari per il disarmo culturale nell'era glocale; Brevi considerazioni "conclusive"; Bibliografia)
Parte II. Il branding territoriale
Simona Totaforti, Dall'effetto Bilbao al place branding. Gli elementi costitutivi delle strategie di competizione interurbana
(Premessa; La città e l'immaginario; Le strategie di place branding; Gli elementi costitutivi del place branding; Bibliografia)
Nicola Ferrigni, La promozione del territorio attraverso i grandi eventi: l'esperienza del 100° Giro d'Italia
(Introduzione; La ricerca sul 100° Giro d'Italia; I risultati della ricerca; Conclusioni; Bibliografia)
Carlo Gelosi, Innovazione e branding per lo sviluppo territoriale
(L'identità competitiva; L'innovazione, il cambiamento e il branding per lo sviluppo territoriale; Il territorio tra valore dell'identità e branding; Il processo di valorizzazione di un territorio; Bibliografia)
Parte III. L'innovazione sociale
Nello Barile, Ripensare il made in Italy come metabrand: innovare nella cultura, nella comunicazione e nell'organizzazione
(Breve storia del made in Italy; Moda e innovazione tecnologica; Dal national branding al metabrand; Bibliografia)
Salvatore Loprevite, Giuseppe Vacalebre, Imprese, innovazione sociale e sussidiarietà verticale: l'esperienza delle società benefit in Italia
(Introduzione; Orientamento alla C.S.R., finalità di "beneficio comune" e duplicità di scopo nel sistema di caratteri delle società benefit; Le società benefit quale modello d'innovazione sociale: aspetti critici alla luce delle prime evidenze empiriche in Italia; Considerazioni conclusive; Bibliografia)
Roberto Mavilia, Guerino Nuccio Bovalino, La Smart Specialization Strategy nel contesto delle Catene Globali del Valore: strategie di transnazionalizzazione
(Introduzione; Global Value Chains; Come prendere parte alle GVCs; Cos'è richiesto da una prospettiva S3RI?; Un approccio sistematico alla transnazionalizzazione e alla Smart Specialization Strategy; Applicazione dei quattro principi IAVR alle specifiche nicchie S3RI; Approfondimento delle attività relative ai clusters tecnologici; Attività a livello progettuale: supporto alle VCs emergenti; Conclusioni; Bibliografia)
Gli Autori.