LIBRI DI FIAMMETTA FANIZZA

Il complesso rapporto tra tecnoscienza, cultura di massa e rappresentazione significativa della realtà impone un confronto tra promesse tecnologiche e trasformazione di bisogni umani e sociali. Poiché gli sviluppi dell’Intelligenza Artificiale (IA) impatteranno inevitabilmente sulle morfologie sia umane che sociali, il volume invita la riflessione sociologica ad assumersi la responsabilità di suggerire indirizzi di metodo. A questo scopo, anche alla luce di alcune recentissime ricerche in campo fisico e informatico, il testo pone l’attenzione sulla struttura logica latente nell’IA e sulla possibilità di un’alternativa scientifica fondata su un’etnologia digitale.

cod. 244.1.93

Fiammetta Fanizza

Sistemi di welfare per nuovi stili di vita

Innovazione sociale, diritti e competenze

Il volume indaga le modalità tramite cui le comunità organizzano le proprie attività, regolano i propri interessi e pianificano il futuro, con l’obiettivo di pervenire a un’interpretazione costruttiva della realtà. Attraverso l’analisi della relazione tra solidarietà, resilienza e difesa dei diritti delle popolazioni così come dei territori, è possibile individuare un confine dialettico che consenta di approfondire i caratteri generativi della rigenerazione sociale, della difesa del territorio e della promozione degli stili di vita, soprattutto in chiave multiculturale.

cod. 1562.47

Fiammetta Fanizza, Michele Mazzone

Elementi di statistica per lo studio della sociologia

Primi approcci per la ricerca in campo sociale

Attraverso numerosi esempi e con l’ausilio di un glossario, il volume vuole far comprendere l’importanza di un approccio rigoroso e razionale per le scienze sociali (sociologia, scienze politiche, economia e giurisprudenza) e integrare, mediante l’acquisizione di un orientamento logico-matematico, i paradigmi epistemologici delle scienze umane (pedagogia, filosofia, psicologia).

cod. 1520.747

Fiammetta Fanizza

Il tramonto dell'urbano

Saggio sulle borgate rurali e la dissolvenza dello spazio pubblico a Foggia

Attraverso i risultati di una ricerca condotta nella città di Foggia, il volume vuole dimostrare che la sistemazione dello spazio urbano è fondamentale per definire il rapporto tra cittadini e città, ovvero, soprattutto, per definire i caratteri dell’identità collettiva. Un dialogo interdisciplinare tra urbanistica e sociologia può pertanto aiutare a disegnare le città evitando che le differenze si traducano in conflitti, ineguaglianze e disparità sociali.

cod. 1562.29

Fiammetta Fanizza, Fiorella Spallone

Diritto allo studio e spazio pubblico: un nuovo framework per l’innovazione sociale

ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE

Fascicolo: 3 / 2021

Con l’obiettivo di approfondire il concetto di benessere sociale tramite un’analisi del rapporto tra sistema urbano e sistema universitario, l’articolo presenta l’approccio e i primi risultati di una ricerca coordinata da Urban@it (Centro Nazionale di Studi sulle Politiche Urbane) sul tema del diritto allo studio. Tramite lo sviluppo di un approccio focalizzato sulla volontà di intendere il diritto allo studio come un diritto sociale compiutamente inteso, si tratta di una ricerca commissionata dall’Adisu Puglia (Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario) che coinvolge l’intera Regione Puglia allo scopo di individuare condizioni/processi che evitano di considerare le popolazioni studentesche come categorie "peculiari" di cittadini, ossia con bi-sogni e diritti descritti e circoscritti quasi esclusivamente da una condizione di vita transitoria e tutto sommato precaria. In particolare, il lavoro svolto dal Gruppo di Ricerca dell’Università di Foggia sul tema dell’innovazione dell’offerta di servizi per il diritto allo studio applica una metodologia quanti-qualitativa esito della combinazione tra survey (realizzata a livello regiona-le sull’intera popolazione di studenti universitari) e Grounded Theory (su un campione di studenti selezionati tra gli iscritti alle diverse associazioni studentesche). I risultati presentati in questo articolo si concentrano sull’individuazione di "nuovi concetti", utili sia per descrive-re/caratterizzare i contesti delle città universitarie che per definire un comune scenario deno-minato "Puglia città universitaria".

Il proposito di quest’articolo è proporre un concetto di benessere quale esito di processi di connessione e di aggregazione tra interessi delle comunità e salvaguar-dia/valorizzazione dei territori. Il welfare degli habitat si fonda sullo sviluppo di sistemi di intelligenza collettiva. Espressione di nuove forme di cittadinanza sociale, questi sistemi procedono alla revisione dei modelli di "stato sociale" attraverso la promozione di una diversa composizione di interessi tra la condizione dei territori e le nuove geografie conformazioni umane e sociali.

Antonietta Mazzette, Silvia Mugnano

Il ruolo della cultura nel governo del territorio

Il volume si interroga se il patrimonio di conoscenze in Italia abbia costituito un elemento di guida nell’azione politica di governo del territorio, partendo dall’ovvia considerazione che dietro ogni azione di intervento ci sia sempre un substrato culturale che sostiene l’azione stessa. Nella fase di stesura, l’Italia e il resto del mondo si sono improvvisamente trovati di fronte all’emergenza sanitaria per la diffusione del ceppo virale Sars CoV-2. Questo fatto eccezionale ha necessariamente modificato l’ordine delle riflessioni essendo cambiate le complessive condizioni sociali e di vita individuale, di cui si dà conto in particolare nei saggi introduttivi.

cod. 1561.107

Fiammetta Fanizza

The Affectivity of the Cities in Transition

SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Fascicolo: 106 / 2015

During the last few years, several Italian city-planners have considered the concept of urban transition as something aprioristically able to produce new social practices. The aim of this article is to analyze the effects of transition in the metropolitan area of Bari (a large town in Southern Italy) where most of the recent public works have ignored the need for empathy. In particular they have not considered the way to capture the citizens’ imagination which is essential for distribution of affectivity into human relationships as those with public institutions. This thesis takes its cue from the results of recent studies regarding the negative effects on the affective tone produced by the botulinum toxin used in plastic surgery, and argues that public works are performed according to an aesthetic view that does not consider the value of beauty as sociability.

Fiammetta Fanizza

La città giardino secondo l’agrarian urbanism: multifunzionalità in agricoltura e benessere sociale

SOCIOLOGIA URBANA E RURALE

Fascicolo: 106 / 2015

Questo articolo presenta l'agrarian urbanism come risposta ai tentativi della PAC di favorire l'integrazione tra contesti rurali e contesti urbani. L'agrarian urbanism utilizza la categoria del paesaggio per attribuire funzioni e significati allo spazio, definendolo sia dal punto di vista ambientale che culturale al fine di negativizzare gli effetti di una pianificazione urbanistica sinora troppo attenta al profitto e con l'obiettivo di sostenere un modello di agricoltura multifunzionale.

Carlo Colloca, Alessandra Corrado

La globalizzazione delle campagne

Migranti e società rurali nel Sud Italia

Attraverso alcuni casi studio si analizza la trasformazione delle aree rurali, interessate, oltre che da cambiamenti economici, spaziali e strutturali, da cambiamenti sociali dovuti alle dinamiche di immigrazione.

cod. 1562.28