Fuori aula: contesti, ruoli e interlocutori dei professionisti della formazione 2020

Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO
Autori/Curatori: Daniela Frison
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 112 Lingua: Italiano
Numero pagine: 13 P. 185-197 Dimensione file: 202 KB
DOI: 10.3280/QUA2020-112012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La professione del formatore è stata caratterizzata nell’ultimo ventennio da profondi cambiamenti che richiedono ai corsi di studio universitari e ai servizi di placement di interrogarsi sulla variabilità e multidimensionalità di ruoli, compiti e contesti nei quali essa può declinarsi. Con l’obiettivo di avviare un processo di riflessione sul tema, il contributo intende, da un lato, esplorare le linee di sviluppo della letteratura scientifica e metodologica rivolta ai formatori ed emergente dal lavoro e della ricerca sul campo, e dall’altro sollecitare una conversazione con pro-fessionisti del settore volta ad esplorare tendenze e traiettorie recenti della profes-sione. In conclusione, si identificano linee di sviluppo della professione accanto a spazi e bisogni di approfondimento e di analisi collegati a tre dimensioni chiave emergenti: il ribaltamento da una prospettiva di teaching ad una prospettiva di learning, l’urgenza di un ampliamento della formazione metodologica e l’importanza dell’adozione di metodi afferenti al non-formale ed ai processi di in-novazione.

  1. Amietta P.L. e Amietta F. (1996). Valutare la formazione: da una ricerca di interformazione. Milano: Unicopli.
  2. Baldassarre V.A., Zaccaro F. e Ligorio M.B. (2001). Progettare la formazione. Dall’analisi dei bisogni alla valutazione dei risultati. Roma: Carocci.
  3. Block P. (1999). Flawless consulting: A guide to getting your expertise used (2nd ed.). New York: Pfeiffer.
  4. Brostrom R. (1975). Training style inventory. Developing effective teaching styles. COMCOR, -- «testo disponibile al sito: www.my.ilstu.edu/» (28.12.2020).
  5. Castagna M. (1993). Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula. Milano: FrancoAngeli.
  6. Castagna M. (1998). La lezione nella formazione degli adulti. Milano: FrancoAngeli.
  7. Castagna M. (2010). L’analisi delle esigenze: dal fabbisogno all’intervento formativo. Principi, metodi e strumenti per il formatore. Milano: FrancoAngeli.
  8. Cripple G. (1996). Instructional styles diagnosis inventory. The 1996 Annual, 2: 147-160. San Francisco, CA: Pfeiffer.
  9. Crispiani P. e Rossi P.G. (2006). E-learning: formazione, modelli, proposte. Roma: Armando.
  10. Demetrio D., a cura di (1996). Il metodo autobiografico. Milano: Guerini e Associati.
  11. Di Nubila R.D., a cura di (2005). Professione formatore. Il ruolo, le competenze, i luoghi e le prospettive. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane.
  12. Di Nubila R.D. (2005). Saper fare formazione. Manuale di metodologia per giovani formatori. Lecce: Pensa Multimedia.
  13. Di Nubila R.D. (2008). Dal gruppo al gruppo di lavoro. Lecce: Pensa Multimedia.
  14. Di Nubila R.D. e Fedeli M. (2008). L’esperienza quando diventa fattore di formazione e di sviluppo. Dall’opera di David A. Kolb alle attuali metodologie di Experiential Learning. Lecce: Pensa Multimedia.
  15. Fabbri L. e Romano A. (2017). Metodi per l’apprendimento trasformativo. Casi, modelli, teorie. Roma: Carocci.
  16. Fabbri L. e Torlone F. (2018). La formazione dei professionisti dell’educazione tra obiettivi formativi e learning outcomes. Prove di condivisione. Form@re, 18(3):1-6.
  17. Fedeli M. e Frison D. (2018). Metodi e tecniche per il supporto e la facilitazione dei processi di apprendimento nei diversi contesti sociali. Form@re, 18(3): 153-169.
  18. Federighi P. (2018). I contenuti ’ore dell’offerta formativa dei Corsi di laurea in Scienze dell’educazione e della formazione. Form@ re, 18(3): 19-36.
  19. Formenti L. (2005). I metodi autobiografici nella formazione. In: Di Nubila D. R., Saper fare formazione. Manuale di metodologia per giovani formatori. Lecce: Pensa Multimedia.
  20. Frison D. e Tino C. (2019). The transformative value of professional development. Research into consultants’ perspectives regarding training and consultancy. Form@re, 19(2): 225-237.
  21. Galliani L. (2005). Professione formatore: curricolo universitario e competenza pedagogica. In: Di Nubila R. D., a cura di, Professione formatore. Il ruolo, le competenze, i luoghi e le prospettive. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane.
  22. Galliani L. e Costa R. (2003). Valutare l’e-learning. Lecce: Pensa Multimedia.
  23. Lipari D. (2012a). Formatori. Etnografia di un arcipelago professionale. Milano: FrancoAngeli.
  24. Lipari D. (2012b). Pratiche professionali tra modelli consolidati e nuovi schemi d’azione. FOR Rivista per la formazione, 92: 13-17.
  25. Lipari D. (2014). Storie di formatori. Esperienza, apprendimento, professione. Milano: FrancoAngeli.
  26. Lippitt R. e Lippitt G. (1986). The consulting process in action (2nd ed.). San Diego, CA: Pfeiffer.
  27. Munari A. (1998). Una metodologia degli eventi per la formazione e la ricerca. Studium Educationis, 3: 429-436.
  28. Pratt D.D. e Collins J.B. (2000). The teaching perspectives inventory (TPI), -- «testo disponibile al sito: https://files.eric.ed.gov/fulltext/ED452417.pdf#page=362» (28.12.2020).
  29. Pratt D.D., Collins J. B. e Selinger S.J. (2001). Development and use of the Teaching Perspectives Inventory (TPI). In: Annual Meeting of the American Educational Research Association, Seattle Washington.
  30. Quaglino G.P. (1989). Valutare i risultati della formazione. Torino: Isper.
  31. Quaglino G.P. (2005). Fare formazione. I fondamenti della formazione ei nuovi traguardi. Milano: Cortina.
  32. Quaglino G.P. e Carozzi G.P. (2003). Il processo di formazi’ne. Dall'analisi dei bisogni alla valutazione dei risultati. Milano: FrancoAngeli.
  33. Quaglino G. P., Casagrande S. e Castellano A. (1992). Gruppo di lavoro. Lavoro di gruppo. Milano: Cortina.
  34. Ranieri M. e Giampaolo M. (2018). Educators at university. A blended and problem- based teaching model for the training course of “socio-pedagogical educator. Form@ re-Open Journal per la formazione in rete, 18(3): 108-125.
  35. Reggio P. G. (2014). Postfazione. Esperienza professionale e apprendimento dei formatori. In: Lipari D., Storie di formatori. Esperienza, apprendimento, professione. Milano: FrancoAngeli.
  36. Rivoltella P. C. (2005). Criteri metodologici per l’apprendimento e la formazione on line. In Di Nubila D. R., Saper fare formazione. Manuale di metodologia per giovani formatori. Lecce: Pensa Multimedia.
  37. Rotondi M. (2000). Facilitare l’apprendere. Modi e percorsi per una formazione di qualità. Milano: FrancoAngeli.
  38. Schein E.H. (1985). Defining organizational culture. Classics of organization theory, 3(1): 490-502.
  39. Schein E.H. (1987). Process consultation: Lessons for managers and consultants (Vol. 2). Reading, MA: Addison-Wesley.
  40. Spier M. (1994). Student-Content Teaching Inventory. New York: Pfeiffer & Company Library.

Daniela Frison, Fuori aula: contesti, ruoli e interlocutori dei professionisti della formazione 2020 in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 112/2020, pp 185-197, DOI: 10.3280/QUA2020-112012