Il processo alla Giovine Italia in Lombardia (1833-1835)
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,   1a ristampa 2004,    1a edizione  2003   (Codice editore 1301.3)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24.50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846444011

Presentazione del volume

Protagonista di questo volume è il processo per alto tradimento che l'Austria istruì nel 1833 contro gli appartenenti alla Giovine Italia in Lombardia.

Attraverso lo snodarsi delle indagini di polizia e degli interrogatori si assiste ad un serrato confronto tra la logica di repressione del dissenso e le motivazioni all'azione politica di quella generazione tra i venti e i trent'anni che aderì al progetto rivoluzionario della Giovine Italia.

Assai meno nota di quella del 1821, la vicenda processuale viene interamente ricostruita dai primi arresti alle sentenze finali sulla base di un'ampia documentazione archivistica, offrendo un'inedita lente attraverso la quale risaltano i punti di forza e quelli di debolezza della rete cospirativa mazziniana, a Milano e nelle province lombarde.

Dalla drammatica opposizione tra il magistrato inquirente Paride Zajotti - chiamato a condurre una "energica" ma nel contempo "regolare procedura" - e gli inquisiti emerge così una ricca serie di profili individuali: uno spaccato professionale e culturale di quella società urbana nella quale la propaganda mazziniana riuscì a penetrare con maggior successo e che, pur neutralizzata dal processo, sarebbe tornata protagonista sulla scena della lotta politica nella stagione del 1848.

Arianna Arisi Rota è ricercatrice di Storia moderna presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Pavia. Si è occupata di storia della politica estera italiana, di storia degli apparati diplomatici tra XVIII e XIX secolo, di aspetti dell'amministrazione nel Lombardo-Veneto. Tra le sue pubblicazioni, La diplomazia del ventennio , Milano, 1990; Libri senza moschetto , Pavia, 1995; Diplomazia nell'età napoleonica. Il Ministero delle Relazioni Estere dalla Repubblica al Regno (1802-1814) , Milano, 1998.

Indice


Introduzione
L'origine della procedura
(La società lombarda agli inizi del anni Trenta: la percezione governativa del dissenso; I primi arresti (agosto 1833); L'estensione delle indagini (settembre 1833) Si delinea una geografia della cospirazione (ottobre 1833) Il capo d'imputazione e l'apertura dell'inquisizione speciale)
Polizia e inquirenti
(Lo stile della polizia; Carcere e interrogatori; Spie e confidenti)
Gli inquisiti
(Profilo generazionale e culturale; I gruppi sociali e professionali; I luoghi di aggregazione e di cospirazione; I contrabbandieri)
La procedura "è divenuta assai voluminosa" (estate 1834)
(Richieste di rinforzi; "Nuove e gravissime scoperte"; Profughi, estradizioni e tensioni con il Canton Ticino)
Le sentenze
(La fase conclusiva della procedura: i rilievi d'ufficio e le sentenze di primo grado; La giudizio del Tribunale Supremo e il parere di Sua Maestà; La deportazione in America e l'amnistia).