Willard Van Orman Quine
Contributi
Susan Haack, Roberta Lanfredini, Vincenzo Latronico, Paolo Mancosu, Sascia Pavan, Peter Van Inwagen, Willard Van Orman Quine, Eddie Yeghiayan, Giancarlo Zanet
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 248,      1a edizione  2009   (Codice editore 230.93)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856807202

In breve
Il volume presenta una conferenza inedita di Willard Van Orman Quine, considerato oggi, a un secolo dalla sua nascita, uno dei filosofi più influenti del Novecento. Il testo offre poi alcuni saggi che fanno il punto della situazione sulla sua eredità, concentrandosi soprattutto sul nominalismo, la naturalizzazione dell’epistemologia e la teoria del significato. Completa il volume una bibliografia aggiornata degli scritti di Quine.
Presentazione del volume

Ad un secolo dalla sua nascita, possiamo ben concordare con Peter Strawson, che ha definito Willard Van Orman Quine uno dei filosofi più influenti del Novecento. Paradossalmente, però, Quine è stato uno dei filosofi più influenti anche e soprattutto per le sue sconfitte.
La necessità di cercare modi sempre più sofisticati di replicare alle brillanti critiche quineane ha consentito alla riflessione successiva di conquistare nuovi territori, che hanno aperto la strada a quelle sconfitte. Le sue posizioni radicali e talora provocatorie (come il rifiuto dei significati, la critica alla distinzione tra analitico e sintetico o il fisicalismo) hanno rappresentato sfide che, indipendentemente dal fronte dei vincitori, hanno permesso un progresso inaspettato degli strumenti e dei risultati. L'epistemologia naturalizzata, ad esempio, sembra oggi essere l'unica strategia per integrare epistemologia filosofica e scienze cognitive, e il sostituto nominalistico che Quine propose per la teoria degli insiemi, la mereologia estensionale, si sta rivelando un linguaggio utilissimo per costruire modelli informatici e cognitivi.
In questo volume viene pubblicata una conferenza inedita di Quine e alcuni saggi che fanno il punto della situazione sulla sua eredità, concentrandosi soprattutto sul nominalismo, la naturalizzazione dell'epistemologia e la teoria del significato. Completa il volume una bibliografia aggiornata degli scritti di Quine.

Renato Pettoello insegna Storia della Filosofia contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Milano. Si è occupato principalmente di filosofia tedesca dell'Otto e del Novecento, tra le sue pubblicazioni: Introduzione a Herbart (Roma-Bari 1988). Tra le curatele: (con Giuseppe D'anna) N. Hartmann, Ontologia e realtà (Brescia 2009).
Paolo Valore insegna Storia della Metafisica contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Milano e Filosofia teoretica presso la Facoltà di Ingegneria Industriale del Politecnico di Milano. Ha curato l'edizione italiana di W.V. Quine, Da un punto di vista logico (Milano 2004). Tra le sue pubblicazioni: L'inventario del mondo. Guida allo studio dell'ontologia (Torino 2008)

Indice


Renato Pettoello, Paolo Valore, Premessa
Willard Van Orman Quine, Paolo Mancosu, Nominalismo
Peter Van Inwagen, La conferenza di Quine del 1946 sul nominalismo
Paolo Mancosu, Quine e Tarski sul nominalismo
Vincenzo Latronico, Al nominalista non manca proprio nulla? La disponibilità dell'insieme vuoto in mereologia
Susan Haack, Il buono, il brutto e il cattivo. Disambiguare il naturalismo di Quine
Roberta Lanfredini, Significato stimolo o esemplare? La doppia faccia dell'olismo di Quine
Sascia Pavan, Uso, significato e riferimento
Giancarlo Zanet, Naturalizzazione, mente e conoscenza
Eddie Yeghiayan, The Writings of Willard Van Orman Quine
Indice dei nomi.