La costruzione di un sapere sociale.

Stato e questione sociale in Vito Cusumano (1843-1908)

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 208,   2a ristampa 2007,    1a edizione  2003   (Codice editore 365.247)

La costruzione di un sapere sociale. Stato e questione sociale in Vito Cusumano (1843-1908)
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,50
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846446466

Presentazione del volume

Il dibattito sul 'germanesimo economico' si svolse in Italia negli anni settanta dell'Ottocento e interessò i maggiori economisti del tempo da Ferrara a Luzzatti, da Lampertico a Messedaglia.

Fu un dibattito di forte matrice politica, ma comportò non pochi risvolti di natura teorica e metodologica e impose alla scienza economica italiana categorie d'analisi inedite nell'approccio alle contraddizioni dello sviluppo e ai conflitti sociali che esso generava.

Tale dibattito - che vide tra i suoi protagonisti Vito Cusumano - si accompagnò a nuovi processi culturali e all'affermarsi di una nuova corrente di pensiero economico che in evidente assonanza con la riflessione europea - da Schmoller a Wagner, da Brentano a Scheel, da Rodbertus a Lassalle - si qualificò per l'esigenza di una ridefinizione dei rapporti tra Stato ed economia e per l'elaborazione di indirizzi interventisti e statalisti.

Un'attenta ricostruzione dell'intera vicenda ha consentito di superare alcune semplificazioni storiografiche, di ridisegnare, attraverso lo studio del pensiero economico di Cusumano, tendenze e posizioni di assoluta avanguardia e di leggere il dibattito suscitato dagli interventi dell'economista siciliano come un tentativo di dare una risposta teorica e pratica ai problemi economici e sociali insorti in Italia in seguito ai processi di industrializzazione e di modernizzazione.

Pina Travagliante è professore associato di Storia contemporanea all'Università di Catania. Da anni conduce studi e ricerche di storia del pensiero economico tra '800 e '900, con particolare riferimento agli economisti italiani. Nella sua produzione scientifica figurano, tra gli altri, i seguenti volumi: I privilegi in materia d'industria. Il concorso di economia del 1841 nell'Università di Catania (Cuecm, 1994); La Nuova scienza sociale. Le lezioni di Placido De Luca (Cuecm, 1997); L'economia civile di Salvatore Scuderi (Cuecm, 1999); Nella crisi del 1848. Cultura economica e dibattito politico nella Sicilia degli anni quaranta e cinquanta (FrancoAngeli, 2001). Nell'ambito della collana "I periodici siciliani dell'Ottocento", ha curato il catalogo Periodici di Palermo (Cuecm, 1995).

Indice


La scoperta del sociale
(Dalla scienza sociale al socialismo della cattedra; La "dimensione europea" della questione sociale)
Tra socialismo e scuola di Manchester
(Da Palermo a Berlino; La nuova scuola economica; La disputa dottrinaria)
Le scuole economiche della Germania
(Tra ortodossia ed eterodossia; La diffusione dello smithianesimo: le prime società di liberi scambisti; Manchesteriani e socialisti cattedratici)
Dal positivismo al socialismo cattedratico
(L'opposizione a Smith; Da List alla scuola storica; Il ruolo dello Stato)
La questione metodologica
(Dal metodo induttivo; Tra economia e morale; La teoria etica delle imposte)
Tra conservatorismo e democrazia progressiva
(I conservatori; La dottrina sociale conservatrice)
Il socialismo in Germania; Tra radicalismo sociale francese e filosofia germanica; Dagli ateliers nationaux francesi alle associazioni produttive di Lassalle; La 'terza' via)
Il XII congresso degli scienziati italiani
(Liberisti e autoritari; La natura delle scienze sociali; La scuola germanica e la scuola Adamo Smith)
Bibliografia.