Lo stato degli studi voegeliniani

A cinquant'anni dalla pubblicazione di Ordine e storia

Autori e curatori
Contributi
Paolo Armellini, Giuseppe Ballacci, Paul Caringella, Paolo Cevasco, Franco Eugeni, Francesco Saverio Festa, Giovanni Franchi, Carlo Gambescia, Jurgen Gebhardt, Clemens Kauffmann, Andrei Marga, Giuliana Parotto, Marco Santarelli, Giovanni Sessa, Roberto Valle, Stefano Virgilio
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      1a edizione  2011   (Codice editore 303.39)

Lo stato degli studi voegeliniani. A cinquant'anni dalla pubblicazione di Ordine e storia
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856838619

In breve

Il volume rivisita l’opera di Voegelin, rivedendo la posizione della maggior parte dei suoi critici, che lo hanno, di volta in volta, bollato come pensatore conservatore, rivoluzionario, integralista, protestante, tradizionalista, progressista… Per Voegelin filosofia e scienza devono trovare il modo di convivere, senza preclusioni.

Utili Link

Linea Quotidiano Rileggere Eric Voegelin (di Carlo Gambescia)… Vedi...

Presentazione del volume

Dal punto di vista di Voegelin, filosofia e scienza hanno da trovare il modo di convivere, senza preclusioni. Ma questo diviene possibile solo consentendo che la filosofia si faccia carico di quella ricerca-ultima, rispetto alle conoscenze mondane, capace di dare un senso, non solo utilitario e più che semplicemente duraturo, agli stessi metodi con cui tali conoscenze vengono praticate.
Ciò significa che, anche per Voegelin, l'adozione di un modello, la utilizzazione di un paradigma reale, e il suo giudizio favorevole all'impiego di quel certo modello, o di quel paradigma, in determinate circostanze esistenziali, non significano affatto la loro approvazione incondizionata. Al contrario, con atteggiamento che richiama molto fedelmente lo stereotipo aristotelico, egli ne conferma la validità "formale" solo in presenza di una specifica sostanza, la qualità di un'anima solo in presenza di un corpo specifico, dalla cui necessità partire, al fine realizzativo di qualsivoglia interpretazione o miglioramento. E il miglioramento è insito nel patrimonio naturale di tutte le cose, insieme con la loro intrinseca qualità.
Dunque, fin dal tempo in cui disquisiva della "forma" dello Spirito americano, Voegelin non ha mai dubitato della impossibilità di esportare, per esempio, soluzioni costituzionali, e non ha mai scambiato il dito che indica la luna con la luna stessa. Purtroppo, questo semplice accorgimento non è stato utilizzato da taluni suoi recenti commentatori e dalla maggior parte dei suoi critici, che lo hanno, di volta in volta, preso per un pensatore conservatore, per rivoluzionario, per integralista, per protestante, per tradizionalista, per progressista, e così via.

Gian Franco Lami insegna Filosofia Politica all'Università di Roma "Sapienza". È professore visitatore alla Pontificia Università Urbaniana. Dal 1978, cura l'edizione italiana degli scritti principali di Eric Voegelin. Tra i suoi lavori più recenti: Eric Voegelin, Ordine e Storia , vol. I, Israele e Rivelazione , Aracne, Roma, 2004; Socrate Platone Aristotele , Rubbettino, Soveria Mannelli, 2005; Julius Evola, Augustea (1941-1943) La Stampa (1942-1943) , Fondazione Julius Evola, Roma-Pesaro, 2006; Tra utopia e utopismo , Il Cerchio, Rimini, 2008; Filosofi cattolici del Novecento. La Tradizione in Augusto Del Noce (a cura di), FrancoAngeli, Milano, 2009.

Indice



Gian Franco Lami, Premessa
Clemens Kauffmann, Platonische Gründungsspiele bei Eric Voegelin
Giuliana Parotto, Voegelin interprete di Agostino. Contributo ad un'analisi critica
Jürgen Gebhardt, "C'è ragione nella ricerca dell'ordine". Voegelin come pensatore della modernità
Francesco Saverio Festa, Tra "teologia politica" e gnosi: quale restaurazione dell'ordine politico?
Franco Eugeni, Marco Santarelli, Voegelin e le sue anticipazioni sul mondo moderno
Andrei Marga, Politica e religione. Voegelin oggi
Stefano Virgilio, Dio non può morire: il carattere "estetico" della trascendenza in Eric Voegelin
Paolo Cevasco, Przywara in Voegelin: un "flux of parousìa"?
Gian Franco Lami, Il paradosso hegeliano
Paul Caringella, Voegelin's Final Writing: Quod Deus Dicitur (Jan. 2-18, 1985)
Roberto Valle, Il concetto politico di Apocalisse: Voegelin e Dostoevskij
Giovanni Sessa, La filosofia della conoscenza voegeliniana tra esperienza classica della ragione e cristianesimo
Giuseppe Ballacci, Eric Voegelin e Gianbattista Vico. Una lettura retorica
Paolo Armellini, Del Noce lettore di Voegelin: la critica della modernità
Giovanni Franchi, Gradi di razionalità e critica delle visioni distorte dell'ordine in Alois Dempf ed Eric Voegelin
Carlo Gambescia, Il Voegelin "sociologo" secondo Earle Eubank.