Mediare il conflitto

La funzione del diritto nella prospettiva della mediazione e della conciliazione

Autori e curatori
Contributi
Susanna Vezzadini
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 128,   2a ristampa 2015,    1a edizione  2011   (Codice editore 1049.5)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Mediare il conflitto. La funzione del diritto nella prospettiva della mediazione e della conciliazione
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16,50
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856841848
Informazioni sugli e-book

Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 11,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856870879
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book



In breve

Il volume, oltre a un’analisi critica del conflitto e delle sue trasformazioni, propone una “cassetta degli attrezzi” per l’organizzazione del processo di mediazione e si rivela un vero e proprio strumento per la formazione delle professionalità che operano nei vari campi di applicazione.

Presentazione del volume

Il ricorso alla mediazione conciliativa previsto dal D.Lgs. n. 28 del 2010 ha creato, di fatto, un conflitto tra fautori e oppositori dell'obbligatorietà del ricorso in mediazione, tra coloro che sollecitano e coloro che si oppongono alla presenza obbligatoria degli avvocati e tra un'aspettativa di ampliamento o di restrizione degli ambiti applicativi.
Il ricorso alla mediazione non è certo nuovo, anzi fa riferimento a uno strumento di risoluzione del conflitto che appartiene alla storia dell'umanità. In tutto il mondo occidentale la mediazione, come le altre forme alternative di risoluzione delle controversie ( ADR ), ha ripreso terreno, soprattutto a fronte di una difficoltà funzionale e strutturale oggettiva da parte dei sistemi di soluzione rituale delle controversie. In questo senso, anche il sistema normativo italiano ha formalmente legittimato il ricorso alla mediazione, sia in campo familiare che civile.
Il testo, oltre a un'analisi critica del conflitto e delle sue trasformazioni, propone una "cassetta degli attrezzi" per l'organizzazione del processo di mediazione e si rivela un vero e proprio strumento per la formazione delle professionalità che operano nei vari campi di applicazione.

Annamaria Rufino è professore ordinario di Sociologia giuridica della devianza e mutamento sociale presso la Seconda Università degli Studi di Napoli - Dipartimento IDeAS. Tra i suoi scritti principali: (2002) Diritto e storia , ESI, Napoli (II ed.); (2006) "Regolare o mediare? La cultura giuridica nell'era globale", in Aa.Vv., Cultura giuridica e politiche pubbliche in Italia , Giuffrè Editore, Napoli; con Teubner G. (2008), Il diritto possibile , Guerini & Associati, Milano (II ed.); (2009) Norma e conflitto , FrancoAngeli, Milano; (2009) "Mediative Law: How to mediate Justice in the global Age", in Aa.Vv., Soziologishe Jurisprudenz. Festschrift für Gunther Teubner zum 65 , De Gruyter Recht, Berlin; (2009), Derecho mediador , in "Anales de la cátedra Francisco Suárez", Universidad de Granada, 43.

Indice


Indice
Introduzione
(Il D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28; Complessità sociale e rischi; La responsabilità professionale come emergenza sociale nel rapporto medico-paziente; Gli ostacoli da superare)
Perché il conflitto
(Il rischio del conflitto; Uno sguardo storico; Le ragioni del diritto; Le ragioni del diritto; Organizzazione e ordine alle radici della società moderna; La società complessa)
Evoluzione della specie
(Previsione normativa e prevenzione del conflitto; Differenziazione e diversità; Gli strumenti di analisi;)
Le tecniche di gestione della conflittualità sociale
(Necessario mediare"; Guardiamoci intorno"; La strategia mediativa e le sue fasi; La cassetta degli attrezzi; Buona regola per chi media)
La mediazione familiare
(Un caso a parte; La famiglia e le sue trasformazioni; La frammentazione comunicativa; La coppia; Due sguardi diversi)
Il percorso di mediazione familiare e la comunicazione strutturante
(Riconoscersi e condividere; Chiedo ascolto; Il percorso di mediazione e le sue fasi; Attivare la comunicazione; L'accordo; In conclusione)
Appendice normativa
Bibliografia di riferimento
Susanna Vezzadini, Nota bibliografica.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi