Giulio Iacchetti

Research Experiences in Design

Autori e curatori
Contributi
Susanna Boietti, Giacomo Miola, Lucia Rampino, Salvatore Zingale
Livello
Textbook, strumenti didattici. Testi per professional
Dati
pp. 120,      1a edizione  2012   (Codice editore 1099.1.2)

Giulio Iacchetti. Research Experiences in Design
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820400699

In breve

Il secondo volume della serie RED – Research Experiences in Design prende in esame la figura di Giulio Iacchetti, un progettista di grande sensibilità, che fa continuamente, instancabilmente ricerca. Un approccio progettuale che, senza abbandonare il necessario pragmatismo del fare, si confronta con una più ampia e stimolante cornice antropologica.

Presentazione del volume


Edizione bilingue (Italiano/Inglese) - formato cm 15x19 - illustrato a colori

RED - Research Experiences in Design è il nome di un ciclo di incontri e seminari nati all'interno del XXV ciclo di Dottorato in Design del Politecnico di Milano, in collaborazione con il Triennale Design Museum, con l'obiettivo di creare momenti di dialogo e confronto tra la comunità scientifica del Dottorato in Design e le esperienze del design come professione.
Un ciclo di incontri con progettisti internazionali, per sperimentare una nuova dimensione del sapere disciplinare, in un ambito dichiaratamente poliedrico come è quello del Design, connotato da una marcata e necessaria interdisciplinarietà, così come da sensibilità verso questioni a volte anche contraddittorie.
Una grande opportunità per parlare della Ricerca come strumento per il Progetto.
Giulio Iacchetti è un progettista di grande sensibilità, che fa continuamente, instancabilmente ricerca. La sperimentazione di Iacchetti va oltre le forme e i materiali, cimentandosi con il senso degli oggetti. Spesso nei nomi dei suoi progetti è infatti celata la chiave di lettura, che consente di comprendere in pieno il senso del progetto. Un approccio progettuale che, senza abbandonare il necessario pragmatismo del fare, si confronta con una più ampia e stimolante cornice antropologica.

Giulio Iacchetti si occupa di industrial design dal 1992, come progettista e direttore artistico per diversi marchi importanti. All'attività di progettista alterna l'insegnamento presso numerose università e scuole di design, in Italia e all'estero. Caratteri distintivi del suo fare sono la ricerca e la definizione di nuove tipologie oggettuali, come il Moscardino, posata multiuso biodegradabile per cui, nel 2001, si aggiudica, con Matteo Ragni, il Compasso d'Oro ed entrata a far parte della collezione permanente del design al MoMA di New York. Nel 2009 il progetto collettivo Eureka Coop, che ha portato il design nella grande distribuzione organizzata, gli è valso il Premio dei Premi per l'innovazione conferitogli dal Presidente della Repubblica Italiana. Nel maggio 2009 la Triennale di Milano ha ospitato una sua mostra personale intitolata "Giulio Iacchetti. Oggetti disobbedienti".
Alessandro Biamonti , ricercatore presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano, coordina le attività del Team di Ricerca Lab.I.R.Int ( Laboratorio di Innovazione e Ricerca sugli Interni ) dell'UdRD INTERNI. Si occupa di Design, con particolare attenzione per gli aspetti teorici e sperimentali del Design degli Interni; è autore di saggi ed articoli, ed ha presentato i risultati delle proprie ricerche presso conferenze internazionali.

Indice



Alessandro Biamonti , Snapshot/ Snapshot
Giacomo Miola , 13 domande per 1 designer/ 13 questions for 1 designer
Lucia Rampino, Quattro modi d'innovare nel campo del design di prodotto/ Four ways to innovate in the product-design field
Salvatore Zingale, Il senso relazionale degli oggetti/ The relational sense of objects
Susanna Boietti, D - Factor/ D-Factor
Profili/Profiles
Autoritratto/Selfportrait