Il cimitero degli anarchici

Autori e curatori
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 144,      1a edizione  2012   (Codice editore 346.4)

Il cimitero degli anarchici
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820403966

In breve

La collana propone un nuovo modo di raccontare la storia, lavorando di intreccio, lasciando libertà all’autore, ma rispettando le fonti. Questo testo narra gli eventi che seguirono un omicidio avvenuto a Milano nel gennaio 1921 a opera di Diavolindo Latini, un giovane anarchico, disadattato e ingenuo. Un romanzo in cui Storia, documenti e immaginazione si incontrano, si fondono e si fanno testimonianza di un’epoca, ma soprattutto di un’anima.

Presentazione del volume


I Documenti Raccontano: " Tutte le storie sono testimonianze, anche quelle raccontate dai morti"
Aristide è un anziano enigmatico, cui un tempo era affidata la manutenzione dell'ex ospedale psichiatrico di Mombello. L'uomo, dal profondo della sua cecità, sa riconoscere ogni corridoio, ogni stanza, ogni giardino che circonda l'ex manicomio. Ma sa soprattutto distinguere tutte le voci che lo popolano, come spiega al fotografo giunto a Mombello in cerca di materiali per il suo nuovo libro. Una di queste voci è quella di Diavolindo Latini, un giovane anarchico, disadattato e ingenuo, che in una cupa giornata del gennaio 1921 esplose cinque colpi nel centro di Milano, uccidendo un suo compagno di militanza e ferendo un ufficiale di polizia. E le voci del Cimitero degli anarchici rievocano quei giorni e gli anni che seguirono: il processo, la perizia psichiatrica, l'internamento e la liberazione dell'anarchico, e sullo sfondo la sua ossessione per una figura materna desiderata e assente. Ciò che ne scaturisce è un quadro vivo, in cui la Storia, i documenti e l'immaginazione si incontrano, si fondono e si fanno testimonianza di un'epoca, ma soprattutto di un'anima.

Andrea Tarabbia è nato a Saronno nel 1978. Ha pubblicato i romanzi La calligrafia come arte della guerra (Transeuropa, 2010), Marialuce (Zona, 2011) e Il demone a Beslan (Mondadori, 2011), il saggio Indagine sulle forme possibili (Aracne, 2010) e l'e-book La patria non esiste (il Saggiatore, 2011). È sceneggiatore del cortometraggio Buonanotte di Riccardo Banfi, finalista ai David di Donatello 2010. Suoi articoli e interventi sono comparsi su "Studio", "Playboy", "Rassegna sindacale" e "Nuovi Argomenti". Collabora con "L'Indice" e "IL", mensile del "Sole 24 ore". È redattore della rivista "Il primo amore". Vive a Bologna.

Indice



Parte prima (invece di un proemio). Tutte le storie sono testimonianze
Parte seconda (invece di un coro). Tutte le testimonianze
Parte terza (invece di un finale). Tutte le testimonianze hanno dietro una storia
Immagini
Fonti e bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi