La diffusione del sapere scientifico

Acquisizione delle conoscenze psicosociali

Autori e curatori
Contributi
Dora Capozza
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  1996   (Codice editore 1243.20)

La diffusione del sapere scientifico. Acquisizione delle conoscenze psicosociali
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,50
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820496159

Presentazione del volume

Nel corso del tempo, le informazioni provenienti dal mondo della scienza hanno assunto un ruolo sempre più importante nella nostra società; esse modellano, infatti, gran parte dell'esperienza quotidiana, contribuendo alla formazione di atteggiamenti, concetti, sistemi di pensiero. L'analisi dei modi attraverso i quali le persone si accostano ai dati scientifici è essenziale per capire la mentalità dell'uomo contemporaneo e il suo agire nel mondo. La comprensione dei processi che regolano l'acquisizione del patrimonio scientifico può, inoltre, servire a rendere più efficaci gli interventi divulgativi, favorendo così la diffusione di strumenti intellettuali atti a dare risposte appropriate ai diversi problemi che la società si pone.

A tali obiettivi si rivolge questo volume. Nel primo capitolo, esso offre un panorama dei contributi teorici e metodologici sviluppati in diversi ambiti della psicologia sociale a proposito dei processi di diffusione del sapere. Nei capitoli successivi, propone una serie di studi sperimentali che analizzano come vengano recepite due indagini classiche del comportamento sociale: la ricerca sulla discriminazione intergruppi, sviluppata da H. Tajfel, e la ricerca sulle condotte di obbedienza all'autorità, effettuata da S. Milgram. I risultati delineano un quadro coerente, nel quale spicca il ruolo che particolari "filtri" cognitivi, costituiti da aspettative, preconcezioni e teorie ingenue, giocano nell'assimilazione del sapere; tali filtri innescano, in alcuni casi, vere e proprie strategie di immunizzazione cognitiva che difendono il soggetto da conoscenze percepite come disturbanti. Sono state anche indagate alcune opzioni epistemologiche di tipo generale che sottendono la lettura "profana" dei dati scientifici concernenti l'essere umano; tra esse risaltano le preferenze attribuite ai metodi osservativi, rispetto a quelli sperimentali, e alle strategie di conferma, anziché di falsificazione, delle ipotesi.

Chiara Volpato è ricercatrice presso il Dipartimento di Psicologia Generale dell'Università di Padova. I suoi interessi di ricerca riguardano i processi di diffusione delle conoscenze scientifiche, le relazioni intergruppi - con particolare attenzione alle dinamiche tra gruppi maggioritari e minoritari - e i rapporti tra psicologia sociale e letteratura.

Indice


Presentazione, di Dora Capozza
1. I processi di diffusione del sapere
• Conoscenza scientifica ed elaborazione delle informazioni
• Rappresentazioni sociali ed epistemologia profana
• Strategie di immunizzazione cognitiva
2. II paradigma sperimentale: la presentazione degli studi di Tajfel sui gruppi minimi
3. Appartenenze sociali e interpretazione dei risultati scientifici
• Osservazione o sperimentazione?
• Il ruolo delle categorizzazioni di gruppo
4. Previsioni e interpretazioni a livello interindividuale e a livello intergruppi
• Previsioni
• Interpretazioni
5. Risultati inattesi a livello interindividuale: la presentazione degli studi di Milgram sull'obbedienza all'autorità
• Come finirà?
• La diffidenza verso i dati