Tradire

Autori e curatori
Contributi
Vincenzo Loriga, Valeria Medda
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 192,      1a edizione  1998   (Codice editore 1278.6)

Tradire
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,50
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846405661

Presentazione del volume

"Come dolce, prima dell'uomo/doveva andare il mondo!". Così il poeta. E come doveva essere bello, il mondo, prima che vi facesse la sua comparsa il tradimento. Che è esso pure invenzione umana, non reperibile in natura. Esso infatti è affidato alla parola, a un impegno solennemente preso. Si differenzia dall'inganno, il tradimento, proprio perché, essendo un fatto di coscienza, presuppone una consuetudine verbale, che permette gli equivoci, e al traditore di venir meno alla parola data, a garantir la quale, sin da tempi lontani, eran chiamati in causa gli dèi (forse perché non ci si fidava della lealtà dei propri simili).

Il tradimento è sempre di un uomo contro l'altro, e di un uomo che abusa della fiducia altrui; il tradito non è un nemico, né un estraneo, ma un uomo della propria parte: un parente, un concittadino, un connazionale. Altrimenti si scade nell'inganno, da riserbare appunto ai nemici o a chi, come l'animale, non appartiene alla nostra specie.

Dante nell'Inferno, condanna i traditori al gelo eterno. Sottolineando in tal modo che il tradimento gela i sentimenti, il più importante dei quali è la reciproca fiducia, sulla quale si fonda la convivenza umana.

Il tradimento svaria su più campi. C'è quello politico, quello amoroso, quello dell'allievo nei confronti del proprio maestro, o del figlio verso il proprio padre (ma può darsi anche il contrario). C'è il tradimento vero, e c'è quello supposto (o paventato). Senza voler dar fondo all'argomento, che come quello della colpa tocca i punti più sensibili della persona umana, questo nuovo numero de La Ginestra offre al lettore un congruo numero di interpretazioni.

Indice

Vincenzo Loriga Tradire o ingannare
Alain Hervé, Non ti distinguo bene...
Vincenzo Loriga, Una strana relazione. Note sul carteggio Freud-Jung
Pietro Andujar, Relazioni pericolose
Sergio Caruso, Del tradimento della sfera pubblica. Profili psicologici e psicoanalitici
Riccardo De Benedetti, Il sacrificio del traditore nelle ideologie totalitarie
Enrico Castelli, Fu tradimento? Il caso di due antichi storici
Andrea Inglese, Il sistema e il sentimento: "La scuola delle mogli" di Molière
Valeria Medda, Tre artisti e lo schizofrenico
Gabriella Brusa Zappellini, Elogio di Elena
Paola Pellegrino, Il cavallo metalinguista
Vincenzo Loriga, Che Dio ci guardi dalle fiabe
Claudio Risé, "Si 'sta voce te sceta..."
Pierachille Borzaghi, Tradimenti tradizionali
Gaia Franchetti, Da "La principessa cinese".