La Russia di Gorbaciov

Il nuovo corso della politica russa settanta anni dopo l'Ottobre

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  1988   (Codice editore 1574.10)

La Russia di Gorbaciov. Il nuovo corso della politica russa settanta anni dopo l'Ottobre
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,50
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820423537

Presentazione del volume

L'Unione Sovietica, gigante a lungo colpito da paralisi, ha ripreso a muoversi e torna a suscitare inquietudini e speranze, soprattutto interrogativi ai quali questo saggio suggerisce alcune risposte, senza la pretesa di giudizi definitivi. Quello di Gorbaciov non è il primo tentativo, dalla morte di Stalin, di superare l'eredità del dittatore georgiano. Questa volta il Segretario generale è consapevole del carattere conflittuale della svolta perseguita ed il suo primo compito è di individuare le forze sociali sulle quali può far leva il disegno riformista per fare di esse forze di governo. Ma è possibile una riforma che non sottragga la tecnocrazia al controllo del Partito o che non inneschi rivendicazioni sconosciute alla tradizione sovietica? E' pensabile introdurre l'efficienza senza risolvere il problema dei diritti civili, creare, secondo una espressione di Nicola II, «un fuoco che non brucia», essere in questo mondo, ma non di questo mondo?

Il tentativo deve darsi una veste ideologica, in una società da sempre abituata ad una ideologia onnicomprensiva che si condanna al nulla se non ha la vocazione del tutto. Il culto della «verità» di Gorbaciov comincia dalla riscoperta del passato, dalla constatazione che è più facile nazionalizzare fabbriche che memorie, speranze che sentimenti. La sua ambizione dovrebbe consentire al paese che ha sperimentato la storia più drammatica di questo secolo almeno di leggerla o scriverla senza pagine bianche.

Di tutte le accelerazioni impresse da Gorbaciov, le più spettacolari sono nella politica estera, dopo anni di diplomazia del «niet» e dell'atomo intransigente. Gorbaciov abbozza nuove forme di consistenza, in Europa e nel mondo, ma il mutamento non è facile per un paese che ha sempre affidato la propria sicurezza all'immensità degli spazi ed all'autoritarismo del proprio sistema politico, un paese che tuttora spaventa gli altri per le proprie dimensioni ed a sua volta è spaventato dalla unicità del suo regime.

La scommessa di Gorbaciov è ardua ed ambiziosa ma è la scommessa politicamente più importante di questo scorcio di secolo.

Indice

Prefazione di Giulio Andreotti
1. L'Urss verso il 2000
Il cambio di generazione
Riparte il riformismo
Le delusioni del consumatore
La fuga nel privato
Come ridistribuire il potere
La nomenclatura
Partito e società
Il sistema tra mutamento e conservazione
La demolizione dell'eredità brezneviana
Il potere dimezzato
La vera minaccia
2. La riscoperta dell'economia
Contadini senza radici
Il recupero della campagna
Il mito della modernizzazione
Innovazione e pianificazione
Il contributo esterno
Chernobyl ed il futuro energetico
La rivoluzione del modello economico
Puntare sull'uomo
L'economia sommersa
3. Una nuova politica estera
La continuità della storia
L'eredità dello spazio
Mito e realtà della forza
Rivoluzione e nazionalità
Il mondo musulmano
Si ricomincia dalla politica estera
La politica estera strumento e non surrogato dell'ammodernamento
La comune casa europea
4. Riforme ed ideologia
Verità e legittimità
Leninismo e stalinismo
Un nuovo pragmatismo
5. Le prospettive di una grande svolta
Un paese al bivio
I semi della democrazia
Chi ha paura delle riforme?
Un sistema tuttora aperto
La riconciliazione con la storia