La spesa per la tutela degli invalidi in Italia

Livello
Dati
pp. 128,      1a edizione  1990   (Codice editore 1690.3)

La spesa per la tutela degli invalidi in Italia
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820463489

Presentazione del volume

La tutela dei cittadini invalidi costituisce uno degli obiettivi fondamentali dei moderni sistemi di sicurezza sociale; in Italia le prestazioni tese ad assicurarla costituiscono uno del principali strumenti di redistribuzione del reddito: nel 1988 sono state erogate quasi 7 milioni di pensioni e rendite, con una spesa superiore ai 40.000 miliardi.

Gli interventi in denaro in favore degli invalidi, in Italia e in vari altri paesi occidentali, si sono sviluppati lungo tre direttrici non sempre ben coordinate: l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, l'assicurazione contro l'invalidità dei lavoratori e l'assistenza pubblica verso i cittadini invalidi privi di tutela. Questo lavoro si propone, innanzi tutto, di ricostruire l'evoluzione che i tre tipi di interventi hanno avuto nel nostro paese; ciò è indispensabile per comprendere appieno il loro assetto attuale, che è il risultato di molteplici decisioni prese in tempi diversi per soddisfare le esigenze di varie categorie di lavoratori e cittadini. L'esame degli obiettivi e degli effetti della normativa in vigore costituisce la seconda finalità del lavoro: esso consente di mettere in luce la redistribuzione operata e l'impatto degli interventi sulla spesa pubblica. Infine, si valuta in quali modi i programmi di spesa in favore degli invalidi possano essere perfezionati allo scopo di eliminare le incoerenze redistributive e di moderare la dinamica della spesa sociale.

Daniele Franco, nato nel 1953, ha studiato nelle Università di Padova e di York. à funzionario del Servizio studi della Banca d'Italia; ha tenuto corsi presso l'Università di Bergamo e l'Università Cattolica di Milano; ha pubblicato lavori in materia di sistema previdenziale, finanziamento della sicurezza sociale, tassazione delle attività finanziarie e degli intermediari creditizi.

Giancarlo Morcaldo, nato nel 1943, ha studiato nelle Università di Roma e di Sussex. Dirige il settore Finanza pubblica del Servizio studi della Banca d'Italia; è membro del Consiglio superiore delle finanze e della Commissione tecnica per la spesa pubblica; è stato consulente di alcuni ministeri finanziari; ha pubblicato lavori in materia di politica fiscale, sistema finanziario, debito pubblico, sistema pensionistico, sanità.

Indice

Introduzione
1 . L'intervento pubblico per l'invalidità
1.1 La definizione dell'invalidità
1.2 Le motivazioni dell'intervento pubblico
1.3 La tripartizione degli interventi compensativi
2. Evoluzione della normativa e andamento della spesa: 1920-1987
2.1 Le rendite per infortuni e malattie professionali
2.2 Le pensioni previdenziali
2.3 Le pensioni assistenziali
3 . Le cause dell'espansione delle pensioni di invalidità
3.1 L'utilizzo delle pensioni di invalidità in Italia
3.2 Alcune esperienze straniere
3.3 Equità ed efficienza nella tutela degli invalidi
4. I problemi dell'assetto attuale
4.1 L'interrelazioni tra le varie prestazioni
4.2 Le rendite per infortuni e malattie professionali
4.3 La pensione di invalidità a carico dell'Inps
4.4 I trattamenti di invalidità civile
4.5 I cumuli
4.6 La pensione indiretta e quella di reversibilità
5 . Le linee di riforma degli interventi per l'invalidità
5.1 Le rendite corrisposte dall'Inail
5.2 La pensione di invalidità a carico dell'Inps
5.3 I trattamenti di invalidità civile
5.4 I cumuli di più pensioni e di pensioni e retribuzioni
5.5 Le pensioni di reversibilità
5.6 Una revisione delle politiche per gli invalidi
Bibliografia