Filosofia e postfilosofia in America

Rorty, Bernstein, MacIntyre

Autori e curatori
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 212,      2a edizione  1999   (Codice editore 230.36)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Filosofia e postfilosofia in America. Rorty, Bernstein, MacIntyre
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820465148

Presentazione del volume

Orientarsi nel ricchissimo quadro della filosofia statunitense degli ultimi decenni non è facile. Abbondano studi su singoli autori o settori di ricerca, mancano lavori d'insieme sul complesso delle vicende filosofiche nella seconda metà del secolo, periodo di particolare interesse in quanto segna il momento della ribellione argomentata ed efficace contro il lungo predominio della filosofia analitica negli Stati Uniti.

Rorty, Bernstein, MacIntyre, coetanei - nati intorno al 1930 - conducono quasi nello stesso anno (1980) una battaglia filosofica in concomitanza con l'arrivo delle idee dei principali pensatori europeo-continentali fino ad allora trascurati, se non ignorati. Mentre infatti la filosofia analitica si rinnovava con la generazione successiva a Quine (Davidson, Putnam, Kripke e tanti altri), negli anni Settanta nuove idee venivano a turbare le acque della filosofia di quel paese, da Nietzsche a Heidegger, da Gadamer a Foucault e Derrida. Ad arricchire il panorama filosofico contribuiscono anche pensatori come Hegel, Habermas e Apel.

La documentata ricostruzione di questo innovativo dibattito filosofico porta ad un'immagine della filosofia statunitense notevolmente diversa da quella conosciuta fino agli anni Settanta, in quanto prefigura il dibattito, divenuto ormai mondiale, fra 'analitici' e 'continentali', le due principali tradizioni filosofiche della seconda metà del secolo svoltesi per decenni in una quasi assoluta incomunicabilità (anche geografica). Un dibattito che ora è diventato un dialogo in cui entrambe le tradizioni sempre più si confrontano e modificano.

Franco Restaino insegna filosofia teoretica all'Università di Roma Tor Vergata. I suoi interessi di ricerca riguardano la filosofia moderna e contemporanea inglese e statunitense (La filosofia anglo-americana in La filosofia nella seconda metà del Novecento, a cura di G. Paganini, Piccin Vallardi, 1998), francese e italiana (Note sul positivismo italiano, in "Giornale storico della filosofia italiana", 1986; Il dibattito filosofico in Italia (1925-1990) in La filosofia contemporanea (Utet 1991 e 1994, Tea 1996), l'estetica (Storia dell'estetica moderna, Utet Libreria, 1991 e 1998) e il pensiero femminista (con A. Cavarero Le filosofie femministe, Paravia 1999). Frutto di decenni di lavoro, la Storia della filosofia in quattro volumi per la Utet Libreria.

Indice



Parte I. La quarta generazione e la filosofia del dopoguerra
La filosofia analitica e i suoi destini
*
Il predominio della filosofia analitica
* Anni Settanta: dove va la filosofia analitica?
* Declino della filosofia analitica?
* C'era solo la filosofia analitica?
La 'resistenza' antianalitica
*
Il pragmatismo
* L'esistenzialismo
* La teoria critica della società
L'Europa continentale invade l'America
*
L'America scopre l'Europa e se stessa: un nuovo canone
* L'America scopre se stessa: il ritorno dei classici
Parte II. R. Rorty: filosofia e post-filosofia
Rorty fra ermeneutica e pragmatismo
*
Dalla formazione a The Linguistic Turn
* Gli anni Settanta: recupero del pragmatismo
* Gli anni Settanta: l'incontro con gli europei e la detrascendentalizzazione della filosofia analitica
* Philosophy and the Mirror of Nature: fra ermeneutica e pragmatismo
* Dieci anni di pratica post-filosofica
* L'approdo 'ìiberal-ironico': Contingency, Irony and Solidarity
Parte III. R. Bernstein e A. Maclntyre
Bernstein tra pragmatismo e riformismo europeo
*
Il pragmatismo europeizzato
* Oltre Descartes, con Rorty e i tedeschi: il punto d'approdo di Beyond Objectivism and Relativism
Maclntyre: dopg la virtù, che cosa?
*
Verso una filosofia della storia
* Con Aristotele e le virtù, contro Nietzsche e la virtù