Questa famiglia non mi piace, o sì? Uno studio sugli adolescenti

Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE
Autori/Curatori: Carmelo Panebianco, Francesca Gnoffo
Anno di pubblicazione: 2001 Fascicolo: 14 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. Dimensione file: 65 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L'adolescente nella sua ricerca di identità ha bisogno di ri-definirsi rispetto alle precedenti fasi dello sviluppo e di ri-frammentare le immagini interiorizzate per una nuova ricostruzione dove risulta determinante una riorganizzazione delle relazioni significative. È alla turbolenza adolescenziale che si è rivolta l’attenzione di uno studio condotto su 757 ragazzi/e messinesi frequentanti la II classe di varie scuole medie superiori. Per l’indagine sono stati utilizzati: Scala di valutazione FACES III; Questionario di rilevazione dei dati socio-strutturali. I dati ottenuti ci consentono di confermare l'adolescenza come una fase nella quale si evidenzia un bisogno di ricerca di sé e della propria identità che passa attraverso la contestazione delle regole e del modello normativo percepito in famiglia ma che esprime, al tempo stesso, l’aspirazione ad una fusione emotiva con i genitori. È proprio da questo scollamento fra percezione ed ideale, vissuto e aspirazione, che possiamo toccare la crisi adolescenziale, l’irrequietezza di un’età fondata su un vissuto di insoddisfazione per il reale e proiettata su un ideale tanto distante dalla realtà quanto poco funzionale all’assolvimento dei compiti evolutivi. Al fine di approfondire ulteriori aspetti e distinzioni all’interno di questo grande gruppo-campione nello studio sono inoltre state considerate alcune variabili (sesso, madri lavoratrici e casalinghe, titolo di studio dei genitori, famiglia nucleare e allargata), che rivelano curiose differenze.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Carmelo Panebianco, Francesca Gnoffo, Questa famiglia non mi piace, o sì? Uno studio sugli adolescenti in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 14/2001, pp , DOI: