Il change management strutturale: approccio, metodi e casi

Titolo Rivista STUDI ORGANIZZATIVI
Autori/Curatori Federico Butera
Anno di pubblicazione 2016 Fascicolo 2015/2 Lingua Italiano
Numero pagine 29 P. 135-163 Dimensione file 276 KB
DOI 10.3280/SO2015-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit. Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

Anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Questo contributo propone e descrive il Change Management Strutturale, un approccio e un metodo provati in un gran numero di progetti condotti dall’autore, tesi a avviare cambiamenti integrati e duraturi sia nel sistema tecnico-organizzativo che nel sistema sociale, generando risultati non marginali e nuovi paradigmi. Il Change Management Strutturale consiste in tre classi di attività: un piano di riprogettazione parziale o totale del sistema organizzativo, tecnico, sociale e culturale; una serie di progetti pilota; un’attività di implementazione e miglioramento continuo. Questo articolo contiene tre proposte.
La politica dei progetti: ciò che maggiormente può dar voce alle persone è il loro coinvolgimento e la loro partecipazione attiva in una serie di progetti di grandi e piccole dimensioni, in percorsi di miglioramento continuo e di innovazione diffusa iscritti entro una mappa cognitiva che li aiuti a estrarsi dalla episodicità del caso specifico.
La diffusione dei progetti esemplari, ossia dare un senso e diffondere le esperienze concrete e le best practice.
Costruire l’"impresa integrale", ossia una impresa che è contemporaneamente un ente economico e un’istituzione, una parte dell’economia e una piccola società.
Sono riportati alcuni casi di Change Management Strutturale coordinati dall’autore, fra cui le isole dell’Olivetti, la progettazione tecnologico-organizzativa integrata del laminatoio della Dalmine NTM, la realizzazione degli Uffici delle Entrate, la progettazione del Customer Care di Vodafone, il change management dei Tribunali e delle Procure della Lombardia.;

  1. Ancona, D. (2007), X-Teams: How To Build Teams That Lead, Innovate, And Succeed, Harvard Business School Press.
  2. Ansoff, I. (1965), Corporate strategy, New York, McGraw Hill.
  3. Butera, F. (1972), I frantumi ricomposti, Venezia, Marsilio.
  4. Butera, F. (1984), L’orologio e l’organismo, Milano, FrancoAngeli.
  5. Butera, F. (1990), Il castello e la rete, Milano, FrancoAngeli.
  6. Butera, F., De Witt, G. (2011), Valorizzare il lavoro e sviluppare l’impresa. La storia delle “isole” della Olivetti nella rivoluzione dalla meccanica all’elettronica, Bologna, il Mulino.
  7. Butera, F., Failla, A. (1992), I professionisti d’azienda, Milano, Etas Libri.
  8. Cusumano, M. (2012), Staying power restare forti. Sei durevoli principi di strategia e organizzazione in un mondo incerto, Milano, FrancoAngeli.
  9. Dente, B. (2011), Le decisioni di policy, Bologna, il Mulino.
  10. Emery, F.E., Trist, E.L. (1974), “Sistemi socio-tecnici”, in Fabris A., Martino F. (a cura di), Progettazione e sviluppo delle organizzazioni, Milano, Etas.
  11. Hax, A., Wilde, D.L., (1999), “The Delta Model”, Sloan Management Review, Winter.
  12. Holman, P., Devane, T., Cady, S. (Eds.) (2007), The Change Handbook, San Francisco, Berret-Koheler Publishers.
  13. Lawrence, P.R., Lorsch, J.W. (1967), Organization and Environment, Cambridge, Harvard University Press.
  14. Porter, M. (1980), Competitive Strategy: Techniques for Analizing Industries and Competitors, New York, The Free Press.
  15. Schein, E.H. (2004), DEC Is Dead, Long Live DEC. The Lasting Legacy of Digital Equipment Corporation, ReadHowYouWant.
  16. Williamson, O.E. (1986), The Economic Institutions of Capitalism, New York, The Free Press (trad. it., Le Istituzioni economiche del capitalismo, Milano, FrancoAngeli, 1987).

  • Innovating the management of corporate crises with new forms of participation of trade union representatives and workers Luigi Campagna, Luciano Pero, in STUDI ORGANIZZATIVI 1/2022 pp.108
    DOI: 10.3280/SO2022-001005
  • Global Encyclopedia of Public Administration, Public Policy, and Governance Federico Butera, pp.1 (ISBN:978-3-319-31816-5)

Federico Butera, Il change management strutturale: approccio, metodi e casi in "STUDI ORGANIZZATIVI " 2/2015, pp 135-163, DOI: 10.3280/SO2015-002005