«Architettura come Modificazione»: un manifesto teorico della Casabella di Vittorio Gregotti (1982-1996)

Titolo Rivista TERRITORIO
Autori/Curatori Marco Francesco Pippione
Anno di pubblicazione 2017 Fascicolo 2017/81 Lingua Italiano
Numero pagine 8 P. 146-153 Dimensione file 1188 KB
DOI 10.3280/TR2017-081029
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit. Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

Anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La Casabella di Vittorio Gregotti (1982-1996) è una delle esperienze più interessanti di riflessione sulla teoria dell’architettura occorse nel recente passato e sostanzialmente per due ragioni. Innanzitutto per il merito dei contenuti: la fortuna critica delle riflessioni disciplinari sviluppate al suo interno è sintomatica della loro ricchezza e dell’alto profilo che il dibattito su Casabella ha raggiunto in quegli anni. In secondo luogo per il metodo: la rivista si è sempre presentata al pubblico con l’ambizione di essere un ‘luogo’ costitutivo di uno sguardo critico sulla realtà. In questo saggio viene proposta un’analisi del progetto culturale della rivista a partire dal numero più significativo di questa produzione, Architettura come modificazione edito nel 1984. Esso si presenta infatti come una sorta di manifesto per la Casabella di quegli anni contendendo - a volte esplicitati, altre soltanto in nuce - tutte le più importanti riflessioni della rivista e del suo direttore sulla teoria del progetto;

Keywords:Casabella; Gregotti; teoria

  1. Banham R., 1959, «Neo Liberty – The Italian Retreat from Modern Architecture». Architectural Review, april: 230-235.
  2. Cacciari M., 1984, «Un ordine che esclude la legge». Casabella, 498/9: 14-15.
  3. Calabi D., 1984, «Oltre lo sguardo». Casabella, 503: 64-70.
  4. Calligaris C., Vragnaz G.,1984, «Preesistenze».Casabella, 498-499: 70-73.
  5. Ciucci G., «Riprogettare le storie». Casabella, 498/9: 109-111.
  6. Croset P. A., 1986, «Venezia e il Rinascimento. Un libro di M. Tafuri». Casabella, 524, 1986:39.
  7. Deussace, 1993, «Contro lo Stile Internazionale: Shelter e la stampa architettonica americana». Casabella, 603: 46-52.
  8. Farinati V., 1985, «Renovatio urbis Venetiarum. La storia policentrica». Casabella, 518: 27.
  9. Garcias J. C., 1990, «Verso un nuovo stile ufficiale?». Casabella, 564: 37.
  10. Gargano A., 1979, a cura di, Crisi della Ragione. Torino: Einaudi.
  11. Gregotti V., 1984, «Modificazione». Casabella, 498/9: 2-7.
  12. Gregotti V., 1985, «L’integrità dell’architettura. Una monografia su Bohigas, Martorell, Mackay». Casabella, 517: 33.
  13. Gregotti V., 1987, «Contrasti». Casabella. 535: 1-2 .
  14. Gregotti V., 1991, «Un cammino da percorrere». Casabella, 582: 1-2.
  15. Gregotti V.,1992, «Elementi di disegno urbano ordinati secondo i principi della modificazione critica». Casabella, 588: 1-2.
  16. Kieren M., 1994, «Residenza dell’ambasciatore tedesco a Washington D.C». Casabella, 617: 60-66.
  17. Manno A.,1985, «Indizi e prove nella storia della storia dell’architettura. Un magazzino di A. Palladio nell’Arsenale di Venezia». Casabella, 514: 30-33
  18. Rayon P., 1982, «Alvaro Siza Vieira. Il quartiere Malagueira a Evora». Casabella, 478: 2-15.
  19. Rella F., 1984, «Tempo della fine e tempo dell’inizio». Casabella, 498/9: 106-108.
  20. Secchi B., 1984, «Le condizioni sono cambiate». Casabella, 498/9: 8-13.
  21. Tafuri M., 1968, Teorie e storia dell’architettura. Roma-Bari: Laterza.
  22. Tafuri M., 1969, Architettura dell’umanesimo. Roma-Bari: Laterza.
  23. Tafuri M., Fiore F. P., 1993, «Francesco di Giorgio Martini e l’assoluto imperfetto». Casabella, 599: 30-41.
  24. Tzonis A., Lefaivre L., 1994, «P. Johnson: il cinico e il capitale». Casabella, 616: 36-41.
  25. Vattimo G., Rovatti A., 1983, a cura di, Il pensiero debole. Milano: Feltrinelli.
  26. Vidler A., 1982, «Una frittata di classici». Casabella, 478: 2-15.

  • Note sul contributo di Vittorio Gregotti al disegno urbano in Italia Maria Vittoria Capitanucci, in TERRITORIO 87/2019 pp.35
    DOI: 10.3280/TR2018-087006

Marco Francesco Pippione, «Architettura come Modificazione»: un manifesto teorico della Casabella di Vittorio Gregotti (1982-1996) in "TERRITORIO" 81/2017, pp 146-153, DOI: 10.3280/TR2017-081029