Un approccio post-kleiniano all’Io

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Ronald Britton
Anno di pubblicazione: 2017 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 5-18 Dimensione file: 179 KB
DOI: 10.3280/PSI2017-002001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Questa è visione post-kleiniana del concetto dell’Io. Sottolinea che l’ultima concezione di Freud dell’Io inconscio è centrale per comprendere la realtà psichica e lo statuto di credenza che viene conferito ad alcune fantasie inconsce. Inoltre, mette anche in luce la parte che l’identificazione proiettiva e introiettiva giocano nel senso di sé.

  1. Bion W.R. (1962). Learning from Experience. London: Karnak Books (trad. it. Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 1965).
  2. Britton R. (1995). Psychic reality and the unconscious belief. International Journal of Psycho-Analysis, 76, 1: 19-24.
  3. Freud S. (1895). Entwurf einer Psychologie (trad. it. Progetto di una psicologia. In: Opere, vol. 2. Torino: Bollati Borignhieri, 1968).
  4. Freud S. (1897). Lettere a Wilhelm Fliess (1887-1904). Torino: Bollati Boringhieri, 2008.
  5. Freud S. (1915-17). Vorlesungen zur Einführung in die Psychoanalyse. (trad. it. Introduzione alla psicoanalisi. Nuova serie di lezioni. In: Opere, vol. 8. Torino: Bollati Boringhieri, 1986).
  6. Freud S. (1923). Das Ego und das Es (trad. it. L’Io e l’Es. In: Opere, vol. 9. Torino: Bollati Boringhieri, 1977).
  7. Freud S. (1924). Psychoanalyse (trad. it. Psicoanalisi. In: Opere, vol. 10. Torino: Bollati Boringhieri, 1986).
  8. Freud S. (1927). Fetischismus (trad. it. Feticismo. In: Opere, vol. 4. Torino: Bollati Boringhieri, 1970).
  9. Freud S. (1935). Postscriptum (trad. it. Postscriptum. In: Opere, vol. 10. Torino: Bollati Boringhieri, 1986).
  10. Freud S. (1940). Abriss der Psychoanalyse (trad. it. Compendio di psicoanalisi. In: Opere, vol. 11. Torino: Bollati Boringhieri, 1989).
  11. Klein M. (1932). The significance of early anxiety situations in the development of the ego (trad. it. L’importanza delle situazioni precoci di angoscia nello sviluppo dell’Io. In: Scritti, 1921-1958. Torino: Bollati Boringhieri, 2006).
  12. Klein M. (1935). A contribution to the psychogenesis of manic-depressive states (trad. it. Contributo alla psicogenesi degli stati maniaco-depressivi. In: Scritti, 1921-1958. Torino: Bollati Boringhieri, 2006).
  13. Klein M. (1946). Notes on some Schizoid Mechanisms (trad. it. Note sui meccanismi schizoidi. In: Scritti, 1921-1958. Torino: Bollati Boringhieri, 2006).
  14. Klein M. (1958). On the Development of mental Functioning (trad. it. Sullo sviluppo dei meccanismi psichici. In: Scritti, 1921-1958. Torino: Bollati Boringhieri, 2006).
  15. Shafer R. (1997). The Contemporary Kleinans of London. Madison, Connecticut: International University Press.
  16. Steiner J. (1987). The interplay between Pathological Organizations and the paranoid-Schizoid and Depressive Positions. International Journal of Psycho-Analysis, 68, 1: 69-80.

Ronald Britton, Un approccio post-kleiniano all’Io in "PSICOANALISI" 2/2017, pp 5-18, DOI: 10.3280/PSI2017-002001