Le sentenze di condanna Cedu e la loro esecuzione: la Corte Costituzionale esclude la revocazione della sentenza di adottabilità e suscita qualche riflessione sul mantenimento dei rapporti dopo l’adozione

Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA
Autori/Curatori: Laura Dutto
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 12 P. 205-216 Dimensione file: 98 KB
DOI: 10.3280/MG2018-004022
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’autrice affronta la questione dell’esecuzione delle sentenze di condanna Cedu attraverso l’esame della giurisprudenza della Corte Costituzionale, con particolare riferimento alla sentenza n. 93/2017 con cui si esclude che la condanna della Corte Europea dei diritti dell’uomo sia causa di revocazione straordinaria della dichiarazione dello stato di adottabilità. Nell’articolo trova spazio anche qualche riflessione, suscitata da un inciso contenuto nella sentenza, sulla possibilità che il minore mantenga rapporti con la famiglia di origine dopo l’adozione.

  • LL Adesione Della Ue Alla Convenzione Europea Sui Diritti DelllUomo E La Costituzione Italiana (European Union Accession to the European Charter of Human Rights) Giancarlo Guarino, in SSRN Electronic Journal /2012
    DOI: 10.2139/ssrn.2014707

Laura Dutto, Le sentenze di condanna Cedu e la loro esecuzione: la Corte Costituzionale esclude la revocazione della sentenza di adottabilità e suscita qualche riflessione sul mantenimento dei rapporti dopo l’adozione in "MINORIGIUSTIZIA" 4/2018, pp 205-216, DOI: 10.3280/MG2018-004022