L’esperienza veneta dei tutori volontari

Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA
Autori/Curatori: Mirella Gallinaro, Claudia Arnosti, Mariella Mazzucchelli
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 134-143 Dimensione file: 84 KB
DOI: 10.3280/MG2019-004015
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il modello operativo ideato e sviluppato dall’istituzione regionale veneta di garanzia dei diritti per l’assunzione del ruolo di tutore di minori di età da parte di volontari selezionati e appositamente formati poggia da una parte sul diritto di ogni minore di essere realmente rappresentato e adeguatamente curato, dall’altra su un’idea nuova di cura, intesa come spazio relazionale, di prossimità tra il minore e il tutore, di costruzione di una relazione capace di ascolto, osservazione, vigilanza. Un modello articolato, complesso, consolidato in ragione della sua durata, tutt’ora in atto perché capace di accogliere i cambiamenti sociali e normativi che possono verificarsi nel tempo.

Mirella Gallinaro, Claudia Arnosti, Mariella Mazzucchelli, L’esperienza veneta dei tutori volontari in "MINORIGIUSTIZIA" 4/2019, pp 134-143, DOI: 10.3280/MG2019-004015