Il tutore ente pubblico: spunti teorici ed esperienza

Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA
Autori/Curatori: Elide Tisi
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 7 P. 144-150 Dimensione file: 66 KB
DOI: 10.3280/MG2019-004016
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Per i minori che necessitano di una tutela legale e che "non hanno nel luogo del loro domicilio parenti conosciuti o capaci di esercitare l’ufficio di tutore", il giudice tutelare può nominare tutore "un ente di assistenza nel comune dove ha domicilio il minore". Nella maggioranza dei casi, l’ente scelto è il Comune dove ha domicilio il minore. In concreto, la gestione della tutela rappresenta per il Sindaco o il suo delegato (quasi sempre l’assessore ai servizi sociali) un compito gravoso, ma essenziale per la protezione dei gruppi più vulnerabili di minori.

Elide Tisi, Il tutore ente pubblico: spunti teorici ed esperienza in "MINORIGIUSTIZIA" 4/2019, pp 144-150, DOI: 10.3280/MG2019-004016