Dopo la fame. Pollerie, pristinai, agnellai: negozi di alimentari nell’Italia della crescita

Titolo Rivista: STORIA URBANA
Autori/Curatori: Elena Dellapiana
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 164 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 59-78 Dimensione file: 282 KB
DOI: 10.3280/SU2019-164004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il tema dei negozi, e in particolare di quelli di generi di prima necessità ha interessato fin dal periodo tra le due guerre il dibattito sulla città. Gli affacci sui fronti stradali, così come il ruolo di attrattori dei flussi pedonali e veicolari, in base alla qualità e alla varietà delle merci e della clientela di riferimento, hanno investito le categorie di décor e forma urbana. Il saggio si propone di evidenziare come, attraverso i mutamenti di abitudini sociali, del sistema del commercio e dei linguaggi visivi verificatisi fino agli anni Cinquanta, il ruolo dei progettisti - architetti, designer, grafici, ma anche critici e urbanisti - sia cresciuto con la messa a punto di professionalità e categorie che hanno contribuito a sostanziali modifiche del tessuto urbano.

Elena Dellapiana, Dopo la fame. Pollerie, pristinai, agnellai: negozi di alimentari nell’Italia della crescita in "STORIA URBANA " 164/2019, pp 59-78, DOI: 10.3280/SU2019-164004