Riflessioni sulla difficile esperienza di supporto psicologico a migranti richiedenti asilo

Titolo Rivista: INTERAZIONI
Autori/Curatori: Stefania Baraldo, Emma Luciani, Alida Martignon, Amalia Mineo, Mariadele Santarone, Anna Tabanelli, Stefano Trinchero
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 17 P. 110-126 Dimensione file: 191 KB
DOI: 10.3280/INT2022-001012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Gli autori riflettono sulle difficoltà di comprensione - tentativi di omologazione e fraintendimenti - e sui complessi meccanismi psichici che si verificano negli operatori dei centri di accoglienza per migranti e negli stessi psicoterapeuti deputati a fornire supporto psicologico. Si soffermano sulle manifestazioni di sofferenza post-traumatica di coloro che vivono il dramma dello sradicamento, del pericolo di vita, di forme di schiavitù, di assenza di progettualità e di brusca caduta dentro un mondo di cui non capiscono le regole. Un mondo che dicendo di ac-coglierli li controlla, li segrega, e all’improvviso li dimette dai centri di accoglienza supponendo in loro una capacità di adattamento, integrazione e resilienza. Le esperienze traumatiche spesso e per molto tempo non trovano parole né adeguate rappresentazioni simboliche, per cui "parlano" attraverso somatizzazioni, lamentele fisiche, richiami a modelli della cultura d’origine, con effetto di sconcerto e di impotenza in coloro che sono chiamati all’ascolto e alla comprensione. Le differenze culturali pongono, secondo gli autori, non soltanto problemi di corretta interpretazione dei disagi e dei sintomi riferiti, ma anche domande sull’adeguatezza del setting e delle chiavi interpretative in uso nella nostra cultura. Nell’articolo si fa riferimento ad alcuni approcci transculturali e alla necessità, per gli psicoterapeuti, di uno spazio condiviso di confronto su vissuti controtransferali, spesso pesanti come macigni che, se non compresi ed elaborati, possono indurre ad atteggiamenti di rinuncia e di evitamento.

  1. Abbal T. (2006). Dinamiche familiari e insuccesso scolastico dei figli delle famiglie migranti. In Dal Verme S., Facchetti B. (a cura di), Quaderni di formazione alla clinica transculturale. Milano: Crinali cooperativa sociale onlus.
  2. De Micco V. (1999). Psicoanalisi e cultura: le tracce di un impensato (introduzione all’edizione italiana, curata da Virginia De Micco). In Assoun P.L. (1993), Freud e le Scienze sociali. Psicoanalisi e teoria della cultura. Roma: Borla.
  3. De Micco V. (2016). La pelle che abito, il nome che porto: fratture culturali e legami transgenerazionali nei bambini migranti. Rivista di Psicoanalisi, 62, 1: 231-240.
  4. De Micco V. (2017). Migrare: sopravvivere al disumano. Rivista di Psicoanalisi, 63, 3: 663-672.
  5. Devereux G. (1972). Etnopsicoanalisi complementarista. Milano: FrancoAngeli, 2013.
  6. Idris I. (2017). Accogliere chi viene da lontano. In Atti del convegno Cooperativa Crinali. Milano: Crinali cooperativa sociale onlus.
  7. Montagner P. (2019). Un luogo per vivere? Rivista Psiche, 6, 1: 249-266. DOI: 10.7388/93697
  8. Moro M.R., De La Noe Q., Mouchenik Y. (2009). Manuale di psichiatria transculturale. Dalla clinica alla società. Milano: FrancoAngeli.
  9. Nathan T. (1996). Principi di etnopsicoanalisi. Torino: Bollati Boringhieri.
  10. Tabanelli A., et al. (2009). Radici e trasformazioni. In Francesconi M., Scotto di Fasano D. (a cura di), Apprendere dal bambino. Riflessioni a partire dall’Infant Observation. Roma: Borla.
  11. Tabanelli A., Scotto di Fasano D. (2014). Nascere lontano: geografie della maternità. Interazioni, 39, 1: 90-102. DOI: 10.3280/INT2014-001008

Stefania Baraldo, Emma Luciani, Alida Martignon, Amalia Mineo, Mariadele Santarone, Anna Tabanelli, Stefano Trinchero, Riflessioni sulla difficile esperienza di supporto psicologico a migranti richiedenti asilo in "INTERAZIONI" 1/2022, pp 110-126, DOI: 10.3280/INT2022-001012