Adler sul lettino analitico di Procuste. Intervento sull’articolo di Cesare Romano "Le radici autobiografiche della Psicologia Individuale di Alfred Adler"

Titolo Rivista: PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE
Autori/Curatori: A cura della Redazione
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 293-302 Dimensione file: 61 KB
DOI: 10.3280/PU2022-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La biografia di una persona permette di ricostruire il suo stile di vita, la sua personalità, e questa trova corrispondenza nel suo pensiero. I primi ricordi che, secondo Adler, possono fornire preziosi indizi al pari dei test proiettivi e dei sogni non possono essere considerati una biografia e, specie se assunti da più fonti, devono essere prudentemente vagliati e verificati. Se non lo si fa, si banalizza e si scredita la Psicologia Individuale. Analogamente, la pur importante valutazione della posizione nella costellazione familiare non può essere semplicisticamente trasferita sul fecondo contrasto di idee fra Freud ed Adler, specie ora che esistono prove documentali sul loro dibattito e sulla scissione del movimento psicoanalitico.

  1. Adler A. (1898). Gesundheidheits buch für das Schneiderwerbe (Wegweiser der Gewerrbehygiene,
  2. 5). A cura di Eduard Golebiewski. Berlin: Heymanns. Adler A. (1904). Das Arzt als Erzieher. Ärztliche Standeszeitung, III, 13: 4-6; 14: 3-4; 15: 4-5.
  3. Anche in: Adler & Furtmüller, 1914, cap. I, ediz. del 1922. dler A (1905). Das sexual Probleme in der Erziehung. Die Neue Gesellschaft, 8: 360-362.
  4. Adler A. (1910). Der psychische Hermaphroditismus im Leben und in der Neurose (Zur Dynamik und Therapie der Neurosen). Fortschritte der Medizin, 28: 486-493. Anche in: Adler & Furtmüller, 1914, ediz. del 1922, pp. 57-64 (trad. it.: L’ermafroditismo psichico nella vita e nella nevrosi [Psicodinamica e terapia della nevrosi]. In: Guarire ed educare. Fondamenti di Psicologia Individuale per psicoterapeuti ed insegnati [1904-1913]. Roma: Newton Compton, 2007, pp. 101-110).
  5. Adler A. (1917). Das Problem der Homosexualität. München: Reinhardt (trad. it.: Psicodinamica dell’eros. Motivazioni inconsce della rinuncia alla sessualità. Sesto San Giovanni [MI]: Mimesis 2015).
  6. Adler A. (1920). Praxis und Theorie der Individual-Psychologie; Vortrage zur Einführung in die Psychotherapie für Ärzte, Psychologen und Lehrer. München: Bergmann (trad. it.: Prassi e teoria della Psicologia Individuale. Roma: Astrolabio, 1957; La Psicologia Individuale. Prassi e teoria. Roma: Newton Compton, 2006).
  7. Adler A. (1928). Die Technik der Individualpsychologie 1. Die Kunst eine Lebens und Krankengeschichte zu lessen. München: Bergmann (trad. it.: Adler A. & Macht K., L’arte di leggere la vita. Storia di una malattia. Sesto San Giovanni [MI]: Mimesis, 2019).
  8. Adler A. (1929). Significance of early recollections. In: Mairet P., editor, Alfred Adler: Problems of Neurosis. A Book of Case Histories. London: Routledge, 1929. Anche in: International Journal of Individual Psychology, 1937, 3: 283-287 (trad. it.: I primi ricordi. In: Adler A., La nevrosi e le sue problematiche. Un libro di storie di casi. Roma: Edizioni Universitarie Romane, 2014, cap. 8).
  9. Adler A. (1930). Something about myself. Childhood and Character, 7, 7: 6-8.
  10. Adler A. (1931). What Life Should Mean to You. Boston, MA: Little, Brown, and Co. (tr. it. Cosa la vita dovrebbe significare per voi. Roma: Newton Compton, 1994).
  11. Adler A. (1933). Der Sinn des Lebens. Wien: Rolf Passer (trad. it.: Il senso della vita. Novara: De Agostini, 1990; Roma: Newton Compton, 1997, 2012).
  12. Adler A. (1937a). How I chose my career. The Individual Psychology Bulletin, 6: 9-11.
  13. Adler A. (1937b). How position in the family constellation influences life-style. International Journal of Individual Psychology, 3: 211-227.
  14. Adler A. & Furtmüller C., editors (1914). Heilen und Bilden: ärztlich-pädagogische Arbeiten des Vereins für Individualpsychologie. München: Reinhardt. Seconda edizione a cura di E. Wexberg: München: Bergmann 1922.
  15. Ansbacher H.L. & Ansbacher R. (1956). The Individual Psychology of Alfred Adler. A Systematic Presentation in Selections from His Writings. New York: Basic Books; New York, Harper Row, 1956 (trad. it.: La psicologia individuale di Alfred Adler. Il pensiero di Alfred Adler attraverso una selezione dei suoi scritti. Firenze: Martinelli, 1997).
  16. Balzano G. & Loseto M. (2014). Alfred Adler e lo scisma della psicoanalisi. Nardò (LE): BESA.
  17. Bottome Ph. (1939). Alfred Adler. Apostle of Freedom. London: Faber & Faber; Alfred Adler. A
  18. Biography. New York: G.P. Putman’s Sons. Second Edition: Plymouth, UK: Latimer Trend & Co., 1946. Third Edition: Alfred Adler. A portrait from life. New York: Vanguard Press, 1957.
  19. Canziani G. & Masi F. (1979). Significato dei primi ricordi infantili: loro importanza nella diagnosi e nella psicoterapia con particolare riguardo alla età evolutiva. Rivista di Psicologia Individuale, VII, 11: 15-34.
  20. Epstein Adler R. (1982). Minutes of the Society for Free Psychoanalytic Research. Journal of Individual Psychology, 18, 1: 22-27. Freud S. (1914). Per la storia del movimento psicoanalitico. 3: Il dissenso con Adler e con Jung. Opere, 7: 414-438. Torino: Boringhieri, 1975.
  21. Furtmüller C. (1956). A biographical essay. In: Ansbacher H.L. & Ansbacher R., editors, Superiorityand social Interest. A Collection of later Writing. Evanston, IL: Northwestern University Press, 1964, pp. 311-391 (trad. it.: Alfred Adler: un saggio biografico. In: Aspirazione alla superiorità e sentimento comunitario. Una raccolta degli ultimi scritti. Roma: Edizioni Universitarie Romane, 2008, pp. 335-389).
  22. Hoffman E. (1988). The Right to Be Human: A Biography of Abraham Maslow. Los Angeles, CA: Jeremy P. Tarcher.
  23. Hoffman E. (1994). The Drive for Self. Alfred Adler and the Founding of Individual Psychology. New York: Addison-Wesley.
  24. Kaufmann W. (1980). Discovering the Mind. Volume 1: Goethe, Kant, and Hegel. Volume 2: Nietzsche, Heidegger, and Buber. Volume 3: Freud versus Adler and Jung. New York: McGraw-Hill.
  25. Langs R.J. (1965). First memories and characterologic diagnosis. Journal of Nervous and Mental Disease, 141, 3: 318-320.
  26. Marasco E.E. & Marasco L., a cura di (2022). Corsi di formazione transculturale per analisti adleriani. Linee guida di Francesco Parenti e Pier Luigi Pagani. Sesto San Giovanni (MI): Mimesis.
  27. Marasco E.E. & Parisotto L. (1992). Le stelle senza luce della costellazione famigliare. In: Atti del V Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicologia Individuale (SIPI), Stresa (VB), 8-9 maggio 1992. Brunello (VA): Stampa S.p.A.
  28. Mazzoli G. (2022). Alfred Adler e la Psicologia Individuale tra semplificazioni e complessità, Psicoterapia e Scienze Umane, 56, 1: 57-61. DOI: 10.3280/PU2022-001008
  29. Meneguz G. (2022). La Psicologia Individuale di Adler non è altro che autorispecchiamento? Psicoterapia e Scienze Umane, 56, 1: 62-66. DOI: 10.3280/PU2022-001009
  30. Nunberg H. & Federn E., editors (1906-11 [1962-74]). Minutes of the Vienna Psychoanalytic Society, Vol. 1: 1906-1908 (1962), Vol. 2: 1908-1910 (1967), Vol. 3: 1910-1911 (1974).
  31. New York: International Universities Press (trad. it. del Vol. 1: Dibattiti della Società Psicoanalitica di Vienna, 1906-1908. Torino: Boringhieri, 1973).
  32. Orgler H. (1956). Alfred Adler. Der Mann und Sein Werk. Wien: Urban & Schwarzenberg (trad. it.: Alfred Adler e la sua opera. Roma: Astrolabio, 1970).
  33. Parenti F. (1987). Alfred Adler. L’uomo, il pensiero, l’eredità culturale. Bari: Laterza.
  34. Rattner J. (1970). Alfred Adler in Selbstzeugnissen und Bilddokumenten. Reinbek bei Hamburg: Rowohlt, 1972 (trad. it.: Alfred Adler. Testimonianze e documentazioni fotografiche. Firenze: Emmebi, 2011).
  35. Rom P. (1966). Alfred Adler und die wissenschaftliche Menschenkenntnis. Frankfurt a.M.: Waldemar Kramer.
  36. Romano C. (2022). Le radici autobiografiche della Psicologia Individuale di Alfred Adler. Psicoterapia e Scienze Umane, 56, 1: 37-56. DOI: 10.3280/PU2022-001007
  37. Sperber M. (1926). Alfred Adler. Der Mensch und seine Lehre: ein Essay. München: Bergmann.
  38. Stepansky P.E. (1983). In Freud’s Shadow. Adler in Context. Hillsdale, NJ: Analytic Press; New York: Routledge, 2012.
  39. Way L. (1956). Alfred Adler: An Introduction to his Psychology, Harmondsworth, Middlesex: Penguin (trad. it.: Introduzione ad Alfred Adler. Firenze: Giunti & Barbera, 1969).

A cura della Redazione, Adler sul lettino analitico di Procuste. Intervento sull’articolo di Cesare Romano "Le radici autobiografiche della Psicologia Individuale di Alfred Adler" in "PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE" 2/2022, pp 293-302, DOI: 10.3280/PU2022-002006