L'Internazionale degli operai.

Maria Grazia Meriggi

L'Internazionale degli operai.

Le relazioni internazionali dei lavoratori in Europa fra la caduta della Comune e gli anni '30

Prendendo in esame il periodo tra la crisi della I Internazionale, con il varo delle cosiddette “leggi contro l’Internazionale” in Europa, e i conflitti che, in Francia, hanno preparato il Fronte popolare del 1936, il volume si propone di rispondere a domande sui rapporti fra i lavoratori nei luoghi di lavoro, nel mercato del lavoro, nelle organizzazioni nazionali e internazionali e nelle migrazioni.

Edizione a stampa

30,00

Pagine: 228

ISBN: 9788856847062

Edizione: 1a edizione 2014

Codice editore: 1573.430

Disponibilità: Discreta

Pagine: 228

ISBN: 9788891703644

Edizione:1a edizione 2014

Codice editore: 1573.430

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Questa ricerca si propone di rispondere a domande che riguardano i rapporti fra i lavoratori nei luoghi di lavoro, nel mercato del lavoro, nelle organizzazioni nazionali e internazionali e nelle migrazioni. Le tensioni che si sviluppano, da questo punto di vista, fra i lavoratori e i modi con cui gli attori politici le hanno utilizzate, possono essere così riassunte: il mercato del lavoro e le necessità organizzative impongono ai mondi del lavoro una tensione continua ai due poli opposti della quale stanno la xenofobia e l'internazionalismo. Fra questi due poli osserviamo comportamenti diversi, atteggiamenti contraddittori tutti ispirati, però, al tentativo di governare e non essere governati dalle "leggi" del mercato del lavoro.
Il terminus a quo di questa ricerca è la crisi della Prima Internazionale, con la caduta della Comune di Parigi e il varo delle cosiddette "leggi contro l'Internazionale" in Europa. Il terminus ad quem sono i conflitti che, in Francia, hanno preparato il Fronte popolare del 1936. Un riferimento indispensabile è la crisi del '29. In mezzo si sviluppano le vicende dei lavoratori che si incontrano e si organizzano, cercando di fare della pluralità delle origini nazionali una risorsa e non un problema.

Maria Grazia Meriggi è storica sociale dei mondi del lavoro in Europa fra Ottocento e Novecento e insegna storia contemporanea all'Università di Bergamo. È fra gli iniziatori dell'associazione italiana degli storici del lavoro. Per la FrancoAngeli ha pubblicato tra l'altro: L'invenzione della classe operaia. Conflitti di lavoro, organizzazione del lavoro e della società in Francia intorno al 1848, 2002; Cooperazione e mutualismo. Esperienze di integrazione e di conflitto sociale in Europa fra Ottocento e Novecento, 2005; La disoccupazione come problema sociale. Riformismo, conflitto e "democrazia industriale" in Europa prima e dopo la Grande guerra, 2009.



Ringraziamenti
Introduzione
Le relazioni internazionali degli operai senza l'Internazionale
Operai e migranti nei congressi della II Internazionale
La discussione quotidiana della II Internazionale in Europa. Temi e problemi nella corrispondenza fra il Bureau Socialiste International, i partiti nazionali e i militanti
I Jaunes, alle origini della "preferenza nazionale"
I sindacati e i loro alleati di fronte alle crisi
L'esperienza delle migrazioni operaie nella Francia delle crisi, verso il Fronte popolare
Indice dei nomi.

Potrebbero interessarti anche