Una voce inascoltata. Lino Jona tra sionismo e leggi razziali
Autori e curatori
Contributi
Gianni Perona
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 176,      1a edizione  2008   (Codice editore 985.24)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856801651

In breve
Attraverso documenti di famiglia, lettere e fotografie il testo ripercorre la vita di Lino Jona, un giovane ebreo morto a 24 anni nel 1942. La ricostruzione degli anni della sua formazione e del suo impatto con le leggi razziali connettono la sua storia a innumerevoli altre, e forniscono un quadro emblematico dei livelli di consapevolezza con cui la comunità ebraica piemontese subì le leggi razziali e del clima di generale indifferenza in cui esse furono accolte nella società italiana.
Utili Link
La Provincia Quegli astigiani ostinatamente, superficialemnte ebrei (di Rosaria Odone Ceragioli)… Vedi...
Presentazione del volume

Attraverso i documenti di famiglia, lettere, fotografie l'autrice ripercorre la vita di Lino Jona, un giovane ebreo dalla personalità sorprendente e per certi aspetti inesplicata che morì a 24 anni nel dicembre 1942. La sua storia è emblematica dei livelli di consapevolezza molto diseguali con cui la comunità ebraica piemontese subì le leggi razziali e del clima di generale indifferenza in cui esse furono accolte nella società italiana.
Lino rivela una precoce e acuta percezione della complessiva portata della legislazione antiebraica, che cercò di trasmettere ai suoi correligionari. La ricostruzione degli anni della sua formazione e del suo impatto con le leggi razziali connettono la sua storia a innumerevoli altre, attraverso la sua frequentazione di centri come Pavia, Milano, Torino, e di comunità ebraiche minori, ma storicamente importanti come Casale Monferrato e la natia Asti. Emergono così reti di rapporti di cui fanno parte il rabbino Augusto Segre, Ennio ed Emanuele Artom, Luciana Nissim e i giovani della Biblioteca ebraica. Grazie a tali contesti si comprende meglio il confuso, mobilissimo universo ebraico in cui dagli anni trenta, e poi negli anni della guerra, anche in Italia e fin nelle più remote province, s'incrociano i percorsi di italiani e di profughi in cerca di rifugio da ogni parte d'Europa.
Introduzione di Gianni Perona.

Rosaria Odone Ceragioli è nata a Biella. Laureata in lettere classiche, ha insegnato italiano e latino per oltre vent'anni al liceo scientifico "A. Volta" di Torino. Ha pubblicato Il paese dei Belli (Barzago, Marna edizioni, 1991).

Indice


Gianni Perona, Introduzione
Presentazione
La famiglia Jona
Asti e gli anni del liceo
Il collegio Ghislieri di Pavia
La discriminazione
Il Politecnico di Torino
La guerra
Lino Jona ingegnere
Indice dei nomi.