Ospedale ospitale. Dall'esperienza del medico che si ammala al progetto di una Cura centrata sulla Persona. Il percorso dell'Ospedale Cotugno di Napoli
Contributi
Paola Adinolfi, Sandro Bartoccioni, Gianni Bonadonna, Raffaele Calabrò, Andrea Camilleri, Fabrizio Capuano, Annamaria Carloni, Giuseppe Cringoli, Liliana Dama, Maria Ferrara Taglioni, Zaira Margiacchi, Mario Melazzini, Giuseppe Morelli, Vincenzo Musella, Amelia Mutti, Antonio Pedicini, Valentina Penta, Giovanni Pizza, Lucia Rinaldi, Francesco Sartori, Giuseppe Viparelli, Alberto Vito
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2012   (Codice editore 1350.36)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856838244
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856863123
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Un percorso che ha l’andamento di una parabola: dall’impatto emotivo forte delle testimonianze personali, agli aspetti organizzativi, economici e progettuali di struttura, per giungere, attraverso le nuove tecnologie, alla filosofia del “medico umanista”.
Presentazione del volume

"Ospedale ospitale" è un concetto più che un progetto, un'idea di fondo alla quale deve uniformarsi l'azione di cura. Il termine "Ospedale" sintetizza la competenza tecnica e scientifica e l'esigenza di un'organizzazione appropriata. "Ospitale" vuole rappresentare la concezione di una struttura che accolga, che presti attenzione alla dimensione umana e relazionale della cura.
"Ospedale ospitale" propone un percorso che ha l'andamento di una parabola: si parte dall'impatto emotivo forte delle testimonianze personali, per passare agli aspetti organizzativi, economici e progettuali di struttura, comprendendoli all'interno di una cornice storica ed antropologica della medicina. L'innovazione che, nella stesura del testo, ci si propone di suggerire, è quella di giungere, o forse dovremmo dire, ritornare, attraverso le nuove tecnologie, alla filosofia del "medico umanista".
È difficile parlare di creatività nella malattia. Potrebbe sembrare persino offensivo e irritante. L'incontro con la malattia il più delle volte genera un senso di impotenza e di frustrazione, paralizza le idee; la paura del futuro rende difficile se non impossibile la progettualità. Eppure questo libro nasce dalla forza e dalle inimmaginabili risorse che, persone che hanno sperimentato la malattia e che lottano tutt'oggi contro di essa, hanno saputo trasmettere, delineando la strada da percorrere per conoscere e ridisegnare processi, anche mettendo in discussione atteggiamenti, comportamenti e modi di pensare tramandati ed accettati acriticamente, per volontario o involontario interesse, dal personale sanitario.

Antonio Giordano, medico, direttore generale degli "Ospedali dei Colli" (Monaldi - Cotugno - CTO) di Napoli. Ha iniziato la sua carriera come medico di famiglia, ricoprendo poi ruoli di direttore di presidi ospedalieri, strutture distrettuali e ospedali, fino a giungere alla nomina di Direttore Generale di aziende ospedaliere.
Francesca Laudato, sociologa, specializzata in comunicazione e mass media, pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania, si è occupata di comunicazione integrata e ricerche socio-culturali presso istituti universitari, collabora a progetti di ricerca nell'ambito della comunicazione pubblica e del marketing sanitario.
Giuseppe Nardini, medico, psichiatra. Dirige la struttura di psichiatria degli "Ospedali dei Colli" di Napoli. Ha lavorato in servizi di salute mentale per la clinica, la riabilitazione e il reinserimento e poi nel campo della psichiatria di consultazione. Si occupa di programmi d'integrazione delle cure.

Indice


Giuseppe Nardini, In ospedale
Introduzione
Presentazione
Parte I. Sulla propria pelle. Io medico-paziente
Inizio di un percorso
Gianni Bonadonna, "Questo non è un elettroencefalogramma: questo sono Io"
Francesco Sartori, Cosa impara un medico dalla sua malattia
Mario Melazzini, La dignità del paziente, lo sguardo del curante
Valentina Penta, L'umanizzazione delle cure: dalla formazione in medicina all'economia e all'organizzazione in sanità
Sandro Bartoccioni, La malattia e la seconda vita
Giuseppe Nardini, Zaira Margiacchi, Il Medico, il Paziente, la Malattia, il Potere
Giovanni Pizza, Oltre il rapporto medico-paziente: una prospettiva di antropologia politica della salute
Alberto Vito, Il ruolo della psicologia ospedaliera
Giuseppe Viparelli, La lezione del silenzio
Liliana Dama, Maria Ferrara Taglioni, "Cosa chiedo al mio medico?"
Parte II. L'"Ospedale ospitale"
Un'azienda ospedaliera si mette in "mostra": le partecipazioni dell'ospedale ai Forum-PA e al Compa
Antonio Giordano, Le tre macro-azioni
Francesca Laudato, Un cambio di paradigma
Giuseppe Cringoli, Lucia Rinaldi, Vincenzo Musella, I Gis e la gestione parassitologica del territorio
Amelia Mutti, Per una struttura di cura: progetto di ristrutturazione dell'Ospedale Cotugno
Paola Adinolfi, Modelli di umanizzazione: percorsi realizzati e prospettive future
Francesca Laudato, Il percorso comunicativo - Il video
Annamaria Carloni, Difendere il valore della sanità pubblica
Raffaele Calabrò, Capacità d'ascolto e competenza per una Medicina nuova
Antonio Pedicini, L'etica della responsabilità
Alberto Vito, Fabrizio Capuano, Book-crossing in corsia: donare libri migliora gli ospedali
L'Ospedale e i libri
Giuseppe Morelli, Ospitale: la storia di un ospedale nella città
Andrea Camilleri, Io qui sono un intruso
Gli autori.



Pubblicità