City Signs
Contributi
Claudia Bombara, Manuela Megna, Arcangelo Maria Merella, Maria Benedetta Spadolini, Ruggero Torti
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 188,      1a edizione  2015   (Codice editore 314.5)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25.00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Lo studio è incentrato sul tema del rapporto che lega la città al sistema dei segnali prescrittivo-indicativi. L’obiettivo è di ridefinire un disegno della città per icone e immagini sintetiche che siano in grado di raccontare, con un linguaggio immediato, efficace e univoco, la storia, i percorsi e il funzionamento della città stessa.
Presentazione del volume

Lo studio presentato è incentrato sul tema del rapporto che lega la città al sistema dei segnali prescrittivo-indicativi e sul mettere in evidenza il legame che si viene a creare tra la "forma" della città e la migliore configurazione progettuale possibile di detti segnali.
La lettura critica della compagine urbana, della sua forma e dei poli di attrazione che la connotano è stata indispensabile ai fini dell'individuazione di un registro comunicativo che si evolve dal generale al particolare, secondo una logica di avvicinamento ai punti focali della città (e viceversa).
Inoltre la ricerca ha individuato alcuni punti cardine come riferimenti per un efficace utilizzo della segnaletica stradale, verificati attraverso l'enunciazione di criteri di scelta, di visibilità, di leggibilità. Dalla suddetta determinazione dei criteri comportamentali, è quindi emersa la conseguente necessità di uniformare tutti i tipi di segnali, nel rispetto delle norme previste dal Codice della Strada e ciò ha significato introdurre anche il tema del controllo e di linea guida per la segnaletica di iniziativa privata.
Si tratta, in conclusione, di ridefinire un disegno della città per codici visivi, che siano in grado di orientare il fruitore, con un linguaggio immediato, efficace ed univoco, per fargli comprendere nella maniera più efficace il funzionamento della città stessa.

Maria Linda Falcidieno, architetto, dottore di ricerca, direttore del Dipartimento di Scienze per l'Architettura presso l'Ateneo di Genova. Professore alle Facoltà di Architettura di Ferrara e Genova, attualmente è docente al Corso di laurea in Disegno industriale. Dall'inizio dell'attività si occupa di problemi connessi al disegno e alla rappresentazione in generale, intesi come linguaggio e metodo di comprensione critica della realtà, sia come didattica, che come ricerca. Relatore a convegni, è autore di oltre 80 pubblicazioni.
Alessandro Castellano, dottore in DAMS-cinema presso l'Ateneo di Bologna, dottore in Disegno industriale presso l'Ateneo di Genova, dove attualmente è dottorando di ricerca in Disegno industriale. Inizialmente ha lavorato sul rapporto tra suono ed emozione al cinema per poi allargare i suoi interessi alle connessioni sinestetiche nei prodotti audiovisivi, con particolare riferimento ai film d'animazione.

Indice
A. Merella, Introduzione
Maria Benedetta Spadolini,
Università e ambiente urbano
Maria Linda Falcidieno,
Semantica urbana e disegno dei percorsi
(Comunicare la città attraverso i suoi segni; Livelli di comunicazione/livelli di segnaletica; Linee guida di progetto; Linee guida per la segnaletica di indicazione; Conclusioni)
Alessandro Castellano, Il segnale stradale come oggetto visivo
(Segno, segnale, codice; Gli aspetti misurabili del segnale stradale; La percezione del segnale stradale; Il segnale stradale veicolo di contenuti espressivi)
Il caso studio: Parma
(Manuela Megna, Rilievo e organizzazione dei materiali; Claudia Bombara, Percorsi e ottimizzazione grafica; Ruggero Torti, Accessi alla città)
Riferimenti bibliografici e sitografici.