La Sicilia nel contesto della civiltà europea e mediterranea

Autori e curatori
Contributi
Valerio Angelini, Dario Corso, Lidia Scimemi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 274,      1a edizione  2015   (Codice editore 505.9)

La Sicilia nel contesto della civiltà europea e mediterranea
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891713735

In breve

Una storia del nostro Paese non può prescindere dall’immenso patrimonio di beni culturali esistenti in tutto il territorio. In questo mosaico, notevole è il ruolo della Sicilia, la regione più estesa d’Italia e l’isola più estesa del Mediterraneo, ma anche la regione più ricca dell’intero territorio italiano dal punto di vista dei beni culturali e naturalistici. In qualche modo la Sicilia incarna lo spirito di tutto il Paese…

Presentazione del volume

Se si volesse scrivere una storia del nostro Paese, si dovrebbe immediatamente fare riferimento all'immenso patrimonio di beni culturali esistenti in tutto il territorio nazionale. Analizzando le singole tessere del prezioso mosaico, che caratterizza ogni regione italiana, in primo luogo si dovrebbe rimarcare la rilevanza della Sicilia.
In effetti la Sicilia è la regione più estesa d'Italia e l'isola più estesa del Mediterraneo, di cui occupa la posizione centrale. Ma v'è di più, perché la Sicilia è anche la regione più ricca dell'intero territorio italiano dal punto di vista dei beni culturali e naturalistici.
Non è un caso che, per oltre venticinque secoli, sia stata il punto di arrivo e di partenza di tutti i popoli che hanno abitato o attraversato il bacino del Mediterraneo. (...) In qualche modo la Sicilia incarna lo spirito di tutto il Paese, qualora si voglia dare adeguato riscontro all'articolo 9 della Costituzione della Repubblica Italiana, ove si legge: "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione". (...) A questo proposito, è da sottolineare che la tematica non riguarda più solo i beni culturali ed ambientali, tradizionalmente intesi, ma tutto l'ecosistema, di cui tutti i beni prodotti dall'uomo e dalla natura fanno parte. Ciò conferma che il problema, oggi più di ieri, è considerato nella sua valenza sociale, oltre che politica; nel senso che nessuna politica ambientale può sfuggire alla problematizzazione sviluppata dalla sociologia. (Dalla Presentazione.)

Contributi: Piero Di Giovanni, Presentazione; Lidia Scimeni, Le linee guida per la valorizzazione del patrimonio Unesco. Uno studio dei siti siciliani; Dario Corso, I borghi cittadini abbandonati: valorizzazione del bene culturale e fotografia; Valerio Angelini, La Sicilia Patrimonio Unesco. Tra arte, natura e letteratura.


Indice

Piero Di Giovanni, Presentazione
Lidia Scimemi, Le linee guida per la valorizzazione del patrimonio Unesco. Uno studio dei siti siciliani
Dario Corso, I borghi contadini abbandonati: valorizzazione del bene culturale e fotografia
Valerio Angelini, La Sicilia Patrimonio Unesco. Tra arte, natura e letteratura.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi