Cittadini ai tempi di Internet. Per una cittadinanza consapevole nell'era digitale
Autori e curatori
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 184,      1a edizione  2018   (Codice editore 1327.4)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Limitata





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Cosa significa oggi essere cittadini in una società divenuta sempre più interconnessa e complessa per la grande diffusione delle tecnologie digitali e dei servizi di Internet? Un mondo nuovo si è dischiuso di fronte a noi, complesso, vasto, articolato: come accompagnare e sostenere tutti i cittadini e – ancora più importante – i nostri giovani nella sua esplorazione e scoperta? E come venirne fuori?
Presentazione del volume

Siamo nel mezzo della grande trasformazione digitale. Per fortuna, con Alfonso Fuggetta, condividiamo un'inesauribile nostalgia di futuro che ci condanna a pensare e a non fermarci mai al revival o alle retoriche morte. Il suo libro è un grande contributo a immaginare cosa ci attende, a valutarne i rischi, ma soprattutto a coglierne le grandi opportunità. Il lavoro più apprezzabile è che non si troverà traccia di riflessioni costruite su paradigmi del passato, ormai inutili per capire il mondo nuovo. Marco Bentivogli Segretario Generale Fim Cisl

Un libro che illustra limpidamente le potenzialità e i rischi della rivoluzione digitale in corso. Una narrazione appassionata per aiutare a diventare cittadini e professionisti digitali. Ma anche un libro che propone nuove politiche basate sull'innovazione di tecnologia, strategie, valori, organizzazione, lavoro, formazione. Utile per uno studente, per un manager, per un ministro. Federico Butera Professore Emerito di Scienze dell'Organizzazione, Università di Milano Bicocca

Ogni innovazione tecnologica, sempre pensata per il progresso dell'umanità, porta con sé risvolti positivi e negativi. Internet non fa eccezione. L'analisi di Alfonso Fuggetta ne esplora in modo originale e profondo le implicazioni sociali, politiche, culturali e dà suggerimenti forti per stabilire chi vogliamo diventare nell'era digitale. Gianluigi Castelli Presidente di Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A.


Cosa significa oggi essere cittadini in una società divenuta sempre più interconnessa e complessa proprio per la grande diffusione delle tecnologie digitali e dei servizi di Internet?
Non si tratta solo di capire il funzionamento e l'uso degli strumenti digitali. Non basta (illudersi di) reprimere a livello normativo fake news e hate speech. Non basta fare corsi di coding o hakathon e creare tanti makers. Un mondo nuovo si è dischiuso di fronte a noi, complesso, vasto, articolato: come accompagnare e sostenere tutti i cittadini e - ancora più importante - i nostri giovani nella sua esplorazione e scoperta?
Come venirne fuori?
Si tratta di fenomeni che stanno segnando un'epoca e non è semplice né immediato identificare ricette in grado di indirizzare compiutamente il tema. Certamente, una leva essenziale - forse l'unica - è l'educazione (non semplicemente la formazione!): solo cittadini più maturi e consapevoli saranno in grado di muoversi in un mondo sempre più complesso e articolato.

Alfonso Fuggetta
è professore ordinario di Informatica presso il Politecnico di Milano e amministratore delegato e direttore scientifico di CEFRIEL, centro per l'innovazione digitale fondato da università, imprese e amministrazioni pubbliche per promuovere l'innovazione e lo sviluppo delle competenze nel settore delle tecnologie digitali.

Indice
Introduzione
("La terra è piatta"; Qual è il senso di questo libro?; Quali tesi propone?; "Ciò che vorremo diventare"; Qualche ringraziamento)
Parte I. Ciò che siamo
Le due facce di Internet
(Il lato oscuro di Internet; Il lato solare di Internet)
I "digital native" sono "maturi digitali"?
(Manualità non è maestria; Addestramento non è apprendimento; Velocità non è sinonimo di efficienza o qualità; Ricercare non vuol dire trovare; Comunicazione non è relazione; Gioventù non è sinonimo di innovazione; Le caratteristiche dei "barbari")
Parte II. Ciò che vorremo diventare
La cultura ai tempi del digitale
(La centralità del processo educativo; La natura del digitale; Chi se ne deve preoccupare?; L'onestà intellettuale)
Cittadini maturi al tempo del digitale
(Acquisire e organizzare i saperi; Analisi e sintesi; Imparare a scegliere le fonti; Imparare a ragionare; Gestire la radicalizzazione dell'esperienza)
Il digitale e la società
(Le competenze e abilità di base; Le tecnologie digitali non sono commodity; Creatività e progettualità; Le politiche per il digitale (e non solo); Il ruolo dei media; Etica e responsabilità; Cittadinanza e ruolo della politica ai tempi del digitale)
Nota sull'autore.