La crisi dell'industria chimica italiana: raffronti internazionali

Contributi
G. Sclavi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,   figg. 150,     1a edizione  1984   (Codice editore 765.4)

La crisi dell'industria chimica italiana: raffronti internazionali
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820444358

Presentazione del volume

La crisi del settore chimico nasce dal mancato adattamento dell'industria italiana alle mutate condizioni internazionali. Muovendo da questo presupposto, il volume esplora, attraverso un'indagine prevalentemente statistico-quantitativa, i risultati raggiunti dalla chimica italiana rispetto al principali concorrenti.

Nella prima parte il raffronto è condotto a livello di aree e di paesi: l'osservazione della performance del settore chimico investe sia il versante Interno (fatturato, investimenti ecc.) sia il commercio con l'estero, In un arco di tempo che comprende grosso modo gli anni '70.

La seconda parte contiene poi un'analisi comparata dei bilanci delle maggiori società italiane (Anic, Montedison, Snia) e di alcune imprese straniere che hanno esercitato un ruolo leader sul piano europeo oltre che internazionale. La metodologia seguita propone una innovativo riclassificazione dei conti economici e degli stati patrimoniali, allo scopo di delineare più analiticamente le dinamiche economiche aziendali.

Indice

• G. Sciavi: Introduzione
• A. Ferrucci: La collocazione internazionale dell'industria chimica Italiana
• Confronti Internazionali sull'evoluzione delle variabili macroeconomiche nell'industria chimica degli anni '70
• Il commercio chimico internazionale
• C. Cazzola, A. Nahmijas e G. Sesti: La collocazione Internazionale dell'industria chimica italiana: raffronti tra imprese
• Premessa
• Alcuni indizi di una strategia Inadeguata
• I flussi finanziari
• La struttura patrimoniale e i risultati economici
• Costi, valore aggiunto e indebitamento
• Un epilogo critico
• Appendici: metodologica e statistica.