Formazioni autonome nella Resistenza

Documenti

Autori e curatori
Contributi
Giovanna M. Bencist, Luciano Boccalatte, Alberto Buvoli, Gaetano Grassi, Gabriella Solaro, Giovanni Verni
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 576,   figg. 50,     1a edizione  1996   (Codice editore 980.34)

Formazioni autonome nella Resistenza. Documenti
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 66,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820473839

Presentazione del volume

Le quattro serie di documenti raccolte in questo volume sono la continuazione del lavoro di edizione di fonti promosso dall'lstituto nazionale per la storia del movimento di liberazione. Agli Atti del Comando generale del Corpo volontari della libertà (Angeli, 1972), hanno fatto seguito i tre volumi Le brigate Garibaldi nella Resistenza (Feltrinelli, 1979), poi Le formazioni GL nella Resistenza (Angeli, 1985). Accanto agli atti dei CLN, si è venuto così configurando un corpus fondamentale per lo studio della Resistenza armata, tuttora inadeguatamente sfruttato dai ricercatori.

Ci si volge qui all'universo variegato delle formazioni partigiane nelle quali - sotto i titoli di militari, autonome, cattoliche, Osoppo, Beretta, Fiamme Verdi, ecc. - si raccolsero patrioti che ritenevano preminenti su quelli partitici interessi definibili genericamente come nazionali, oppure importanti in ambito regionale. Ne sono un esempio le formazioni Osoppo del Friuli, in cui ispirazione cattolica e laicismo "azionista" sono subordinati a fattori di coesione ispirati dal timore per i rapporti con gli slavi e da radicati sentimenti di identità nazionale e regionale.

Nelle Langhe piemontesi, dove operano le divisioni "alpine", comandate da Enrico Manini «Mauri», o nelle formazioni militari del Senese e del Grossetano, sentimenti e tradizioni della società rurale mediano il consenso verso le organizzazioni partigiane che si richiamano ai valori dell'esercito e della nazione. Al centro, le strutture militari del Comando generale, più che i CLN, si pongono come punto di riferimento per questa galassia di gruppi da ricondurre entro le coordinate fissate dai comandi alleati e dai governi del Sud. Perciò una sezione del volume è dedicata a questo ruolo, più politico che istituzionale, dei militari.

Gianni Perona insegna Storia contemporanea alla facoltà di Magistero dell'Università di Torino.

Indice


Una lettura dei documenti partigiani di Gianni Perona
I militari nel Comando generale a cura di Gaetano Grassi e Gabriella Solaro
Le formazioni Osoppo Friuli a cura di Alberto Buvoli
Il primo gruppo di divisioni alpine in Piemonte a cura di Luciano Boccalatte
Militari e Resistenza in Toscana a cura di Giovanna Bencistà e Giovanni Verni





newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi