Alle origini del femminismo moderno.

Il pensiero politico di Poullain de la Barre

Autori e curatori
Contributi
Ginevra Conti Odorisio
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 352,      1a edizione  1996   (Codice editore 1501.50)

Alle origini del femminismo moderno. Il pensiero politico di Poullain de la Barre
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 40,50
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820497484

Presentazione del volume

La travagliata vita di Poullain de la Barre, singolare pensatore francese della seconda metà del XVII secolo, rispecchia l'inquietudine dei suoi tempi: giovane studente di teologia alla Sorbonne, seguace del razionalismo cartesiano, poi sacerdote cattolico, ed infine convertito al calvinismo, dopo la revoca dell'Editto di Nantes, troverà rifugio e lavoro nella ospitale città di Ginevra.

Analizzandone il rapsodico pensiero politico Maria Corona Corrias coglie nei suoi scritti le premesse culturali e filosofiche di quel femminismo che può definirsi "moderno" nella accezione più completa del termine, poiché si distingue dai precedenti movimenti per il suo metodo emancipazionalista e riformista. Questo originale risultato è dovuto al fecondo apporto delle maggiori correnti filosofico-politiche dell'epoca, dal razionalismo al giusnaturalismo.

In particolare nella prima parte del volume l'autrice offre uno stimolante inquadramento dei diversi tipi di "femminismo" utilizzando le categorie interpretative proprie della storia del pensiero politico e combinandole con gli approcci a quegli "women's studies" che, in questi ultimi decenni, hanno investito e coinvolto le più ampie aree disciplinari a cominciare da quei settori della ricerca storica, mai come oggi, impegnate a misurarsi con l'esplodere di nuovi progetti, modelli e fenomeni di convivenza umana.

Maria Corona Corrias è professoressa associata di Storia delle dottrine politiche alla facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Cagliari; dove ha anche insegnato Storia del Risorgimento. Ha studiato prevalentemente il pensiero politico dell'Ottocento pubblicando ricerche monografiche e numerosi saggi sui maggiori esponenti sardi del periodo (Asproni, Tuveri, Siotto-Pintor), con particolare riferimento ai problemi politico-religiosi. Da circa un decennio ha approfondito diverse tematiche inerenti alla "questione femminile" che trovano in questo lavoro compiuta espressione. È socia fondatrice del Cisdoss (Centro interuniversitario di studi sulle donne nella storia e nella società).

Indice


Prefazione, di Ginevra Conti Odorisio
1. Problemi Metodologici
1. Il "genere" e la storia del pensiero politico
2. Recenti orientamenti metodologici
3. Una nuova prospettiva interpretativa
2. Le due fondamentali categorie e i modelli di femminismo
1. Emancipazione o liberazione?
2. Emancipazione e liberazione
3. Il femminismo mistico-utopistico
4. Il femminismo razionalista e il giusnaturalismo
3. Poullain de la Barre
1. Notizie bio-bibliografiche: ipotesi e certezze
2. Il problema del linguaggio
4. L' eguaglianza dei due sessi
1. I presupposti del problema
2. La sostanziale o naturale eguaglianza
3. L'esclusione dalle scienze
4. Verifica delle opinioni dei sapienti
5. L'opinione dei filosofi e la vera "scienza"
6. Anticipazioni montesquieviane e la costruzione della conoscenza
7. L'accesso alle pubbliche funzioni
8. I molteplici vantaggi della crescita intellettuale in relazione alla sostanziale e naturale eguaglianza
9. Sui presunti difetti delle donne
10. L'opinione degli antichi

5. II problema dell'istruzione
1. L'éducation des dames
2. II richiamo a De l'égalité
3. La consapevolezza interiore
4. Il dubbio metodico
5. La scoperta della verità
6. La vera sapienza
7. Ancora sulla conoscenza di se stessi
8. La quinta conversazione
6. Considerazioni conclusive