L’immagine del mondo nella geografia dei bambini

Una ricerca sui materiali scolastici e parascolastici italiani fra Otto e Novecento

Autori e curatori
Contributi
Dimitri Brunetti, Agnese Migliardi
Livello
Dati
pp. 220,      1a edizione  2021   (Codice editore 11787.9)

L’immagine del mondo nella geografia dei bambini Una ricerca sui materiali scolastici e parascolastici italiani fra Otto e Novecento
Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788835124467

In breve

Il libro nasce nell’ambito del progetto di ricerca “Atlanti e manuali di geografia, dal passato di carta al futuro digitale”, finanziato nel 2017 dal Settore Promozione dei beni librari e archivistici, editoria e istituti culturali della Regione Piemonte, che ha consentito di digitalizzare oltre 5000 pagine e di inventariare, studiare e schedare oltre 200 materiali, presenti nella biblioteca della Fondazione Tancredi di Barolo di Torino. L’obiettivo primario della pubblicazione è quello di presentare questo materiale, pubblicato fra Otto e Novecento evidenziandone il ruolo nella formazione dell’immaginario geografico, un aspetto rilevante, ma poco approfondito, della manualistica scolastica.

Presentazione del volume

Sussidiari, manuali, carte e atlanti scolastici costituiscono un materiale molto importante per lo studio dell'evoluzione della didattica della Geografia e dell'educazione geografica. La loro analisi si inserisce in un filone di studi più ampio, che indaga la cultura scolastica come aspetto della relazione fra sapere accademico e cultura popolare. Da un lato, si inserisce in un percorso di ricostruzione dell'istituzionalizzazione della Geografia nelle scuole e nelle università, e passa attraverso la sua legittimazione come sapere funzionale a obiettivi politici, ideologici, culturali e sociali. Dall'altro lato permette di riconoscere il ruolo avuto dal pensiero geografico nella società italiana come strumento di costruzione identitaria della nazione e del suo patrimonio territoriale, come narrazione valoriale dei suoi luoghi, delle sue regioni e dei suoi paesaggi, come rappresentazione del mondo e delle sue relazioni dotata di un forte potere simbolico e persuasivo.
La cartografia e le immagini risultano in questo contesto delle fonti fondamentali per ricostruire non solo gli aspetti metodologici ma anche immaginari, stereotipi e costruzioni identitarie.
Il libro nasce nell'ambito del progetto di ricerca "Atlanti e manuali di geografia, dal passato di carta al futuro digitale", finanziato nel 2017 dal Settore Promozione dei beni librari e archivistici, editoria e istituti culturali della Regione Piemonte, che ha consentito di digitalizzare oltre 5000 pagine e di inventariare, studiare e schedare oltre 200 materiali, presenti nella biblioteca della Fondazione Tancredi di Barolo di Torino.
L'obiettivo primario della pubblicazione è quello di presentare questo materiale, pubblicato fra Otto e Novecento e relativo alla Geografia, evidenziandone il valore e suggerendo le piste di ricerca attraverso le quali indagarlo. In particolare, si pone attenzione al ruolo delle illustrazioni e delle carte nella formazione dell'immaginario geografico: una svolta visuale che inizia a fine Ottocento e che diventerà un aspetto rilevante, ma poco approfondito, della manualistica scolastica.

Cristiano Giorda è professore di Geografia presso l'Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Filosofia e Scienze dell'Educazione. Insegna nei corsi di laurea in Scienze della formazione primaria, Lettere, Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi. Le sue ricerche toccano in particolare i temi dell'educazione geografica e della didattica della geografia.

Indice

Ringraziamento
Dimitri Brunetti, Introduzione. Atlanti, carte geografiche, libri e documenti: la digitalizzazione come strumento di conoscenza
Parte I. Il progetto di ricerca e digitalizzazione
Il Progetto "Atlanti e manuali di geografia, dal passato di carta al futuro digitale"
La geografia nel patrimonio bibliografico della Fondazione Tancredi di Barolo - Museo della Scuola e del libro per l'Infanzia: manuali, atlanti, carte geografiche, parascolastica, poster, giochi
Parte II. Il materiale e le piste di ricerca
Piste di ricerca
(Il percorso di inserimento della geografia nei curricoli scolastici e il processo di legittimazione dei suoi saperi; Il rapporto fra la geografia accademica e la geografia scolastica; Il problema della relazione fra geografia e storia; Il ruolo della geografia scolastica nel rilevare, narrare e descrivere l'Italia postunitaria e i suoi territori; Il rapporto tra geografia scolastica, potere politico, correnti di pensiero e ideologie; Il ruolo della cartografia nella rappresentazione del mondo; Il ruolo del sapere geografico nella formazione della cultura di massa; L'organizzazione scolastica del sapere geografico e la metodologia didattica per il suo insegnamento; L'evoluzione storica dell'educazione geografica)
L'evoluzione storica della didattica della geografia in Italia attraverso i manuali scolastici. Anticipazioni per lo sviluppo di uno studio organico
(La "Geografia dell'Abate Gaultier"; Tra nozionismo e primi tentativi di approcci emozionali; Ghisleri e le scuole professionali e commerciali; I due Gribaudi)
Parte III. L'immagine geografica nei materiali scolastici fra Otto e Novecento
L'immagine del mondo. Stereotipi, iconemi, narrazioni
(Immaginari vicini e lontani; Centri e periferie cartografiche)
L'immagine dell'Italia. O cari monti del mio paese, valli ridenti, pianure estese
(La canzone della Patria; L'Italia descritta e illustrata; La costruzione della nazione; Arcangelo Ghisleri e la "Geografia di casa nostra")
L'immagine dell'altro. Razze, diversità e orientalismi
("Abitanti ancora selvaggi"; Orientalismi e semplificazioni parascolastiche)
Torino e il Piemonte: didattica dal vicino al lontano e geografia locale
(L'innovazione di Covino; Le Alpi Nostre, il Piemonte, il Monferrato)
L'immagine cartografica. La nascita di una nazione e delle sue regioni
L'immagine politica e ideologica: colonialismo, virtù territoriali e destino della patria
Dalla carta al paesaggio: tipi e forme geografiche
Letture geografiche, filastrocche, viaggi: una lunga tradizione didattica
(Letture geografiche; Filastrocche geografiche; Il racconto di viaggio come metodo didattico)
Parte IV. Il catalogo dei libri, degli atlanti e delle carte
Cristiano Giorda, Agnese Migliardi, Guida ai testi
Bibliografia.