BOOKS BY OTTAVIA ALBANESE

The search has found 23 titles

Ottavia Albanese, Eleonora Farina, Caterina Fiorilli

Cognizione, linguaggio, emozioni: ricerche evolutive e interventi educativi. Il contributo di Marcello Cesa-Bianchi e della sua scuola

RICERCHE DI PSICOLOGIA

Fascicolo: 1 / 2021

Tra i lavori di Cesa-Bianchi nell’ambito della psicologia dello sviluppo e dell’educazione, sono di particolare interesse i suoi contributi sul tema dello sviluppo atipico, sul rapporto che intrattiene il divenire del pensiero con il linguaggio nella crescita del bambino e, infine, sulle sue ultime riflessioni e indicazioni in tema di formazione del docente e dell’educatore. Particolarmente sensibile all’approccio piagetiano e maturazionista, Cesa-Bianchi non ha mancato di accogliere nella sua riflessione teorica, quanto nella ricerca scientifica, le sollecitazioni che provenivano dalla cultura post-piagetiana sin dalla prima metà del XX secolo, spingendo la sua attenzione alle dimensioni bio-psico-sociali dello sviluppo umano. Il presente lavoro ripercorre alcuni temi cardine del contributo di Cesa-Bianchi e dei suoi stretti collaboratori evidenziandone le correlazioni con lo scenario scientifico nazionale e internazionale.

Giorgio Rezzonico, Giuliana Florit

Epilessie e resilienza familiare

Una guida per genitori e operatori

Il tema della patologia epilettica in età pediatrica investe la famiglia modificandone, talvolta profondamente, le dinamiche relazionali. La costruzione congiunta di trame narrative sia con il partner che con l’operatore esperto è un valido aiuto per i genitori, poiché aumenta la consapevolezza del proprio modo di dare senso agli eventi di vita e quindi la resilienza. Il volume rappresenta uno strumento operativo flessibile anche per l’operatore, che è attivamente coinvolto insieme al genitore in questo processo di adattamento.

cod. 1305.220

Ottavia Albanese, Antonella Delle Fave

Disabilità, diversità e promozione del benessere

Aspetti clinici, formativi ed educativi

Negli ultimi due decenni la ricerca psicologica ha cominciato a occuparsi dei punti di forza e delle potenzialità individuali. Questo volume si propone di illustrare i principali costrutti teorici e gli strumenti di indagine che permettono di identificare i fondamenti dello sviluppo positivo e del funzionamento ottimale. Lo scopo è di attirare l’attenzione di educatori e professionisti della salute sulle risorse che le persone già possiedono o possono essere aiutate a sviluppare e potenziare.

cod. 1305.219

Caterina Fiorilli, Simona De Stasio

Salute e benessere degli insegnanti italiani

Nato dalle riflessioni e dalle analisi sui dati raccolti grazie alla somministrazione di circa 1.500 questionari a insegnanti di ogni ordine e grado su tutto il territorio nazionale, il testo è particolarmente indicato a quanti – insegnanti, formatori e operatori nel mondo della scuola – sono interessati a comprendere i meccanismi attraverso cui si rileva lo stato di salute del corpo docenti e si promuove la cultura del benessere a scuola.

cod. 322.1

Ottavia Albanese, Alessandro Pepe, Barbara Ferrari, Manuela Peserico

Riabilitazione e tecniche espressive nelle sindromi dementigene

RICERCHE DI PSICOLOGIA

Fascicolo: 2-3 / 2012

Tra le patologie dell’eta senile, le sindromi dementigene hanno un ruolo centrale poiche compromettono le funzioni mentali elementari di giudizio e ragionamento. La riabilitazione dei soggetti con tali sindromi e possibile con le tecniche espressive. In particolare, l’arteterapia intesa come tecnica espressiva non verbale che utilizza materiali per creare oggetti che rappresentino il proprio mondo interno e un intervento che rallenta gli effetti delle sindromi dementigene. Obiettivo del presente lavoro e stato quello di valutare nell’arco di 36 mesi l’efficacia di tale tecnica espressiva in 14 soggetti affetti da tali sindromi e di eta media pari a 80,9 anni. Essi sono stati monitorati con il Satisfaction Profile, il Sandoz Clinical Assessment Geriatric e il Mini Mental State Examination ed hanno svolto l’attivita di arte terapia in gruppo e/o con interventi domiciliari. Lo studio di decorso e stato condotto attraverso il test Wilcoxon per misure ripetute su campioni appaiati. Per ogni confronto longitudinale T0–T3 e stato riportato il relativo effect size (r). I risultati hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo delle prestazioni dei soggetti nella sfera sociale e relaziona- le, in particolare per le dimensioni: funzionalita psicologica, comportamento sociale e comportamento affettivo. A nostro avviso tale miglioramento puo essere riconducibile anche al contesto di gruppo delle attivita che permette un sostegno reciproco tra i partecipanti. Inoltre la riattivazione di capacita creative correlate ad abilita presenti nella storia dei soggetti ha innescato un processo di riduzione dei fenomeni di deterioramento anche negli interventi domiciliari.

Ottavia Albanese, M. Beatrice Ligorio

Identità, apprendimento e comunità virtuali.

Strumenti e attività on line

Identità, apprendimento e comunità sono parole chiavi attraverso cui è possibile capire la portata innovativa che i nuovi ambienti di comunicazione on line stanno apportando alla vita sociale, culturale e privata di coloro che entrano in rete. In quest’ottica, il volume analizza i processi di interazione on line, di identità digitali, di comunità virtuali, con particolare riferimento ad ambienti e strumenti tecnologici di diverso tipo: forum, blog, Facebook.

cod. 247.1

Ottavia Albanese, Pierre-André Doudin

La comprensione: aspetti cognitivi, metacognitivi ed emotivi

Il volume studia i processi di comprensione attivati nei contesti formali di apprendimento, dove alunni e insegnanti sono attivamente impegnati nel comprendere e far comprendere le diverse forme di conoscenza. Un testo per insegnanti, educatori, operatori e genitori che intendano esplorare la comprensione spostando l’attenzione dalla natura delle discipline alle caratteristiche dei contesti e dei soggetti attori dei processi di comprensione.

cod. 1240.366

Filippo Petruccelli, Barbara D'Amario

La scelta formativa: attitudini, competenze e motivazioni.

Interventi, percorsi e ricerche

In un’ottica in cui la capacità di orientarsi viene percepita come connessa alla capacità di operare scelte consapevoli fondate sull’esercizio critico del sapere, il volume si propone come punto di congiunzione tra il dibattito scientifico in materia di scelte scolastico-professionali e gli interventi che le diverse agenzie che si occupano di orientamento offrono a quanti si rivolgono ad esse.

cod. 1240.361

Carlo Cristini, Antonietta Albanese

Il viaggio verso la saggezza.

Come imparare a invecchiare

Una serie di contributi che sottolineano l’importanza della formazione, dell’apprendimento, della memoria, della salute, della creatività, dell’esercizio, dell’ambiente, della ricerca nel procedere verso un invecchiamento forte e sereno, fiducioso e consapevole. Un testo per professionisti della salute, studenti, ricercatori, ma anche per quanti nell’invecchiare colgono un’ulteriore opportunità di crescita e di apprendimento.

cod. 1222.133

Ottavia Albanese, Angelo Belloro, Laura Colombo

La comunicazione genitore-figlio. Analisi degli atti linguistici in una situazione di apprendimento

RASSEGNA DI PSICOLOGIA

Fascicolo: 1 / 2001

Poiché il linguaggio del bambino si sviluppa nell’interazione con le persone che costituiscono il suo ambiente, è importante studiare il comportamento linguistico dei genitori e dei figli in una situazione di interazione. L’unità base della comunicazione è l’atto linguistico nel senso di un’azione che si compie nel dire qualcosa. Tale atto può essere considerato un sistema finito di categorie e classificato secondo un sistema di codifica individuato da due dimensioni: la forza illocutoria, che è lo stato o l’entità della realtà sociale a cui si riferisce l’atto linguistico in oggetto e l’interscambio, che si riferisce a come l’atto linguistico si relaziona o definisce o costituisce quello stato o evento della realtà sociale (Ninio & Snow, 1996). In questa ricerca ci siamo proposti di individuare la funzione svolta dall’adulto-genitore durante la sua interazione comunicativa con il figlio. A tal fine è stata strutturata una situazione educativa supportata da computer, nella quale genitore e figlio interagivano. Il campione è costituito da sei coppie genitore-figlio, i bambini hanno un’età compresa tra 7 anni 10 mesi e 9 anni 3 mesi (età media 8 anni 6 mesi) e frequentano la seconda e terza classe di una scuola elementare di Milano. Gli atti linguistici intercorrenti tra i partecipanti alle sedute sono stati classificati ed analizzati utilizzando il sistema CHILDES (Mac Winney, 1995). Dai risultati è emerso che il genitore utilizza solitamente una comunicazione direttiva: negozia l’inizio, la continuazione, l’interruzione di tutta l’attività in comune, con prospettive, suggerimenti e ordini che il figlio deve eseguire. Il bambino, d’altra parte, oltre ad eseguire le azioni e i suggerimenti che riceve, tende anche ad argomentare sullo svolgimento del compito e a chiedere consigli. Da parte del bambino non sembra esserci un’accettazione passiva del fatto che la conoscenza risieda nella mente del genitore, ma piuttosto un desiderio di raggiungerla insieme attraverso una collaborazione costruttiva. Il bambino dimostra di essere impegnato nella prestazione e attento a rispondere alle domande e ai suggerimenti del genitore.

Lina Barbieri, Manuela Peserico

Terapia psicomotoria nel ciclo di vita

Indicazioni e ambiti applicativi

Il volume, dopo una panoramica sui presupposti della terapia psicomotoria, prende in esame l’applicazione di questa tecnica durante tutto l’arco di vita, descrivendone le necessarie variazioni e modifiche legate alla fascia d’età e analizzandone applicazioni e integrazioni declinate nei molteplici percorsi di cura e riabilitazione. Il testo si rivolge a neuropsicomotricisti dell’età evolutiva, psichiatri, neuropsichiatri, psicologi, tecnici della psicomotricità, terapisti della riabilitazione psichiatrica, educatori, infermieri, operatori della relazione d’aiuto.

cod. 1305.296.1