Forme dell'interpretare

A cura di: Paolo Fabozzi

Forme dell'interpretare

Nuove prospettive nella teoria e nella clinica psicoanalitica

Printed Edition

28.00

Pages: 222

ISBN: 9788846450814

Edition: 5a ristampa 2023, 1a edizione 2003

Publisher code: 1215.1.17

Availability: Discreta

Uno dei principali aspetti dell'impresa freudiana è stato quello di unificare fenomeni disparati non solo attraverso una spiegazione razionale, ma soprattutto grazie ad un complesso dispositivo teorico-clinico che ne rendesse intelligibile il significato e, prima ancora, che ne istituisse la presenza in fenomeni considerati fino ad allora perlopiù privi di senso. In questo contesto, l'interpretazione è andata assumendo nel corso del tempo molteplici funzioni: veicolare indirettamente, nell'ipotesi che il paziente le possa far proprie, le funzioni di identificazione, contenimento, sostegno, vicinanza, calore, tolleranza che l'analista utilizza per attribuire un significato a ciò che accade in seduta; comunicare informazioni al paziente, in modo tale da comprenderlo e far sì che possa sentirsi compreso; favorire le integrazioni per diminuire le scissioni; cogliere e modificare le angosce, le fantasie inconsce e le fragilità dell'Io del paziente.

Attraverso l'"interpretare" - termine che esprime meglio la complessità e la processualità della comunicazione compiuta dall'analista e scaturita dalle dinamiche, dai ritmi e dai movimenti della situazione analitica - il paziente potrà acquisire inoltre una nuova relazione con il proprio mondo interno e la propria soggettività, improntata alla tolleranza dell'incertezza e di ciò che è sconosciuto, della sorpresa e di ciò che non è predicibile. Nel luogo intermedio che potenzialmente viene a crearsi tra analista e paziente, l'interpretazione può diventare una visione altra ed estranea, e per questo differenziante, che in quanto tale riorganizza in misura minore o maggiore quanto il paziente porta in seduta; soprattutto, essa si nutre del contributo del paziente, e avrà allora l'ulteriore compito di facilitare la scoperta di ciò che è nuovo, di ciò che è stato sperimentato per la prima volta, di ciò che all'interno di infinite ripetizioni si configura attraverso una nuova esperienza tra analista e analizzando.

La costruzione e la definizione della realtà psichica, l'analisi del legame, la modulazione del transfert e il ruolo dell'ambiente primario, l'uso della persona dell'analista, l'esperienza dell'essere e del senso di sé, la soggettività e l'interfantasmatizzazione, la tecnica: sono questi alcuni dei nodi e delle problematiche teoriche e cliniche attraversate dalla questione dell'interpretazione, che i saggi raccolti in questo volume propongono al lettore.

Paolo Fabozzi , autore di diversi saggi in volumi e riviste specialistiche, è psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana.


Paolo Fabozzi, Introduzione. Tracce, nessi, percorsi dell'interpretare
Vincenzo Bonaminio, La persona dell'analista: interpretare, non-interpretare e controtransfert
(L'analista "rivelato"; Il posto dell'analista; Un fenomeno clinico: interpretazione e senso delle parole nella situazione analitica; Partecipazione dell'analista, interpretazione e ricostruzione; Individualità/intersoggettività ed intersoggettivismo; Controtransfert e individualità dell'analista; Bibliografia)
Andreas Giannakoulas, L'interpretazione e le sue vicissitudini. La tecnica in questione
Anna Ferruta, "Trattare l'ambiente in termini di transfert". Il concetto di interpretazione negli scritti di Winnicott
(Alcune considerazioni teoriche sull'interpretazione; L'interpretazione come riconoscimento dell'alterità del soggetto che ha fatto una comunicazione; L'interpretazione come evento psicologico reale; Il timing dell'interpretazione; Trattare l'ambiente in termini di transfert; Due situazioni cliniche; La centralità del lavoro interpretativo; Bibliografia)
Paola Marion, L'interpretazione nello sviluppo della realtà psichica
(Realtà psichica: un concetto in evoluzione; Stati di indifferenziazione e patologia simbiotica; L'interpretazione negli stati di indifferenziazione; Una breve digressione letteraria; Interpretare come comunicare; Bibliografia)
Sarantis Thanopulos, L'interpretazione tra fantasma e interfantasmatizzazione nello spazio analitico
(Il fantasma e la sua interpretazione; Sogno e pensiero; Il sogno e la reintegrazione della soggettività; L'interfantasmatizzazione nella relazione analitica; Bibliografia)
Anna Maria Nicolò, Utilità e limiti dell'interpretazione
(Come è cambiato l'interpretare; I differenti effetti dell'interpretare; Caso clinico; Interpretazione e cambiamento di posizione dell'analista; La funzione interpretante e la capacità di storicizzare; Interpretare il legame nella coppia analitica?; Conclusioni; Bibliografia)
Claudio Neri, Raffaella Girelli, Note sull'interpretazione
(Contesto; Paradosso; Relazione transfert/contro-transfert vs. transiti inconscio/preconscio/conscio; Significato; Monitoraggio; Responsabilità; Permettere che qualcosa emerga secondo le proprie caratteristiche; Uno spazio comune e condiviso; Fare scorrere; Autenticità; Bibliografia)
Paolo Fabozzi, Del non "guardare". La ricerca del Sé tra l'interpretare e l'ambiente analitico
(Introduzione; Essere visto, guardare, vedersi; Elena, ovvero, del non guardare; Passaggi, movimenti e oscillazioni cliniche; Sull'impossibilità di guardare; Verso un'esplorazione trasformativa; Bibliografia)

Contributors: Vincenzo Bonaminio, Anna Ferruta, Andreas Giannakoulas, Raffaella Girelli, Paola Marion, Claudio Neri, Anna Maria Nicolò, Sarantis Thanopulos

Serie: Psicoanalisi contemporanea: Sviluppi e prospettive

Subjects: Psychopathology and Clinical Psychology - Psychoanalysis and Dynamic Psychology

Level: Books for clinical Psychologists, Psychotherapists

You could also be interested in